5 giorni a Nizza, Francia

Language Specific Image

Giorno 1 – Orientarsi

A differenza di altre città francesi, Nizza non pullula di viaggiatori economici. È più comunemente frequentata da molte élite francesi, o “bella gente”. Per orientarvi e abituarvi a vedere le auto e le persone che lampeggiano, passeggiate tranquillamente nella zona in cui alloggiate e iniziate a esplorare questa città cosmopolita.

Una volta che avrete gironzolato un po’, non vi resterà altro da fare che andare subito in spiaggia! Nizza non ha spiagge di sabbia dorata, ma piuttosto di pietre arrotondate. Questo può risultare piuttosto scomodo quando ci si sdraia per la prima volta, ma come per qualsiasi altra cosa ci si abitua. La spiaggia offre una vista straordinaria sulla Baie des Anges (Baia degli Angeli) e gli aerei sorvolano costantemente la baia entrando e uscendo dalla città. Questo vi fornirà più che abbastanza da guardare mentre siete sdraiati sulla schiena.

Dalla spiaggia non dovrete andare molto lontano per godervi qualche birra in compagnia con la Promenade des Anglais che si affaccia sulla spiaggia. Lungo questa passeggiata, costruita da un gruppo di turisti inglesi, si trovano una serie di bar, caffè e ristoranti. Soprattutto nei mesi estivi, quando ci si può sedere all’aperto, è perfetto per osservare le persone e godersi una bella serata di relax.

Giorno 2 – Antibes

Dall’altra parte della Baie des Anges rispetto a Nizza si trova la città di Antibes. Qui si trovano i residenti più ricchi della Costa Azzurra. Situata a soli 20 chilometri dalla città di Nizza, non è un problema raggiungerla con i mezzi pubblici o con una gita di un giorno da Nizza.

Trovare cose da fare in questa città costiera non è molto impegnativo, poiché per essere un insediamento abbastanza piccolo c’è più che abbastanza da tenere occupati per un certo numero di ore.

L’attrazione più nota della città è il Museé Picasso. Utilizzato dal celebre artista come studio per sei mesi nel 1946, oggi vanta un’eccellente collezione di dipinti e schizzi dell’artista. Il museo è ancora più interessante perché si trova sul sito dell’antica Acropoli della città. Nel 1928 fu acquistata dal comune e poi ceduta a Picasso. Il museo ospita anche alcuni giardini ben curati che offrono una splendida vista sul mare.

Anche se non è conosciuto come Picasso, un altro museo di Antibes è dedicato alla vita dell’artista locale Peynet. Considerato prima di tutto un fumettista, oltre ai disegni sono esposte anche alcune sculture.

Prima di tornare a Nizza, prendetevi un po’ di tempo per passeggiare nella Città Vecchia. Vi imbatterete nel porto della città, pieno di pescherecci, nei mercati e nelle antiche ville con tetti di tegole dai colori vivaci.

Se la sera, una volta tornati a Nizza, avete voglia di ballare, recatevi a La Palousa, considerata la più grande discoteca della Costa Azzurra.

Giorno 3 – Un po’ di cultura

Nizza vanta alcuni musei di grande impatto, il migliore dei quali è il Musée d’Art moderne et d’Art Contemporain (Museo d’Arte Moderna). Composto da quattro torri collegate da passerelle di vetro, ospita collezioni dei più noti “artisti pop” del mondo, come Andy Warhol e Roy Lichtenstein, oltre a una mostra che contiene solo opere di uno dei più noti artisti moderni francesi, Yves Klein. Di solito sono esposte anche mostre temporanee.

Dopo aver visitato il museo d’arte moderna o uno degli altri musei della città, un modo piacevole per trascorrere il pomeriggio è rilassarsi nel Parc du Château, situato in fondo a Quai des État-Unis. Il parco offre una splendida vista sulla spiaggia e sulla Vieux Nice, oltre a delle belle passeggiate. Rappresenta anche una piacevole alternativa alla spiaggia per coloro che desiderano sdraiarsi al sole per un po’.

Nizza ha molto altro da fare la sera, oltre a visitare pub e discoteche. Gli amanti della cultura non dovranno cercare troppo lontano per essere soddisfatti. L’Opéra de Nice è il luogo in cui si tengono le migliori opere liriche e orchestrali della città. Per una serata alternativa, recatevi al Manoir Café, un bar/ristorante che funge anche da galleria e ospita regolarmente mostre.

Giorno 4 – Monaco

Sebbene non faccia parte della Francia e sia un principato indipendente a sé stante, Monaco è a soli 30-40 minuti di treno da Nizza. Pur essendo la patria dei ricchi (come molti luoghi della Costa Azzurra), il treno costa solo circa 7 euro.

Passeggiare per Monaco e Monte Carlo può tenere occupato chiunque per diverse ore. Passeggiando per le strade, è affascinante vedere la griglia di partenza del Gran Premio annuale e la serie di yacht che mostrano quanta ricchezza c’è in questo minuscolo stato.

Se volete vedere esattamente come vive la famiglia reale locale, i Grimaldi, dovete visitare il Palazzo del Principe. Situato in cima a una collina, raggiungere il palazzo può essere difficile, ma la vista dalla cima ne vale la pena. Naturalmente, anche la passeggiata intorno al palazzo ripaga ampiamente della fatica.

A Monaco è sepolta una delle icone più famose di Hollywood, Grace Kelly (che in seguito ha vissuto con il titolo di Principessa Grace di Monaco), uccisa in un incidente stradale nel 1982. Uccisa insieme al marito, il Principe Ranieri III, nel 1982, la sua tomba si trova oggi nella Cattedrale di Monaco. La cattedrale in sé non è la più spettacolare del mondo, ma vale comunque la pena visitarla, anche solo per visitare la tomba di Grace.

Altri punti di interesse a Monaco sono il Casinò, il Teatro dell’Opera e il Jardin Exotique.

Giorno 5 – Vecchia Nizza

Iniziare il prossimo giorno di vacanza lungo la Promenade des Anglais è perfetto per schiarirsi le idee se si è bevuto troppe birre la sera prima. Altrimenti, questa piacevole passeggiata è il modo perfetto per iniziare qualsiasi giornata a Nizza. Potreste anche avere voglia di passare un paio d’ore in spiaggia di nuovo). Continuando a percorrere il lungomare verso est (con il mare alla vostra destra), raggiungerete Quai des États-Unis. Una volta raggiunta questa strada, inizierete a notare una differenza nell’architettura. Siete entrati nella Vieux Nice.

Meglio conosciuta dai turisti di lingua inglese come Nizza Vecchia, questa zona è un labirinto di stradine tortuose, caffè, ristoranti e bancarelle di gelati – tante, tantissime bancarelle di gelati. Se siete amanti di questo dolce prodotto caseario, non avrete problemi a trovarlo nella città vecchia.

Potreste trascorrere mezza giornata in questo quartiere della città. Le sue vecchie strade sono affascinanti, così come l’architettura degli edifici. Un tratto distintivo degli edifici della Vieux Nice è che assomiglia più a una vecchia città italiana che alla Francia.

La Vieux Nice è anche una delle zone più vivaci di Nizza. La maggior parte dei ristoranti rimane aperta fino a mezzanotte, i bar servono fino all’1.30-2 del mattino e per i veri nottambuli le discoteche rimangono aperte fino alle 5 del mattino! Il bar più noto della zona è il Wayne’s, che si riempie praticamente tutte le sere grazie alle numerose band che vi suonano ogni sera. Una volta chiuso il negozio, il più frequentato è il Blue Whales.

Get the App. QRGet the App.
Get the App. QR  Get the App.
Scorri verso l'alto