Come Pianificare Il Tuo Anno Sabatico All’Estero

Language Specific Image

La difficoltà nel pianificare un anno sabatico all’estero non sta tanto nella pianificazione nel senso tradizionale del termine. Troppi piani rigidi e sbrigativi uccideranno la spontaneità e l’avventura del vostro primo viaggio in solitaria. Tuttavia, vi sono alcune cose da sapere prima di partire per la vostra esperienza all’estero.

Visto che sono appena tornata dalla mia esperienza all’estero in solitaria in Sud America, ho pensato di condividere alcune cose che ho imparato con voi…

solo gap year advice Florence Wildblood

Consiglio per il pre-partenza

Fate un po’ di ricerca sui paesi dove state andando e preparate una bozza di itinerario  prima di partire

Prenotare alcuni voli e attività è anche una buona idea, ma non esagerate: vi perderete la maggior parte del divertimento del vostro anno all’estero se avrete un piano troppo rigido.

Florence Wildblood solo gap year travel advice

Fate un po’ di volontariato mentre siete in viaggio

Fermarsi a lungo in un luogo permette di scoprirne un lato completamente differente, fare un po’ di pratica con la lingua e abituarsi ai trasporti e alle usanze che prima non conoscevamo. Utilizzate siti come Workaway per trovare un qualcosa che vi dia tranquillità e uno scopo, e forse anche una sistemazione gratuita durante il vostro anno all’estero.

solo gap year advice_Florence Wildblood Bolivia

Preparate visti e vaccinazioni

Ho scoperto troppo tardi che, per i turisti, fare il vaccino contro l’epatite B a La Paz  bisogna acquistarlo in farmacia (ed è caro!) e poi portarlo dal dottore che ve lo inietterà. Ci sono volute due settimane di giri in città, in visita ad almeno cinque ospedali, prima che tutto cio fosse chiaro. Un mio amico, avendo superato il limite di 90   giorni in Bolivia, si è ritrovato intrappolato tre giorni in una desolata cittadina sul confine peruviano prima del suo volo per tornare a casa e scarse possibilità di tornare nel paese di partenza. Credo di aver detto abbastanza.

solo gap year advice_Florence Wildblood Bolivia

Siate pronti a domande sul perché e come viaggerete da soli

Dal momento che direte a qualcuno che state per partire da soli per il vostro anno sabatico all’estero, preparatevi ad essere inondati da domande sulla vostra stessa sopravvivenza. Amici e famiglia a casa inizieranno a farvi il terzo grado e sconosciuti, con buone intenzioni, continueranno a farlo mentre sarete in viaggio. Negli autobus siederete affianco a signore anziane che vorranno farvi prendere un taxi, e anche se hanno tutte le buone intenzioni del mondo, alla fine potreste sentirvi un po’ controllati.

Ma fate sempre attenzione: ovunque, cose brutte tendono ad accadere solo se si è molto sfortunati o stupidi. Viaggiare da soli è in realtà una delle cose meno solitarie da fare. E’ molto più facile fare amicizia quando si è da soli e si finisce sempre per formare dei gruppi in viaggio. Può sembrare strano appena usciti da scuola ma non serve assolutamente preoccuparsi di essere una minoranza!

solo gap year advice Florence Wildblood

Sarete probabilmente i più giovani

In base a dove decidiate di andare, alcuni di voi potrebbero sentirsi molto giovani ed incontrare solo pochi coetanei. “Cosa? Sei solo 19enne?” diranno. Nulla di cui preoccuparsi: farete amicizia con persone di tutte le età.

solo gap year advice_Florence Wildblood Bolivia

Consigli per il viaggio

Scegliete l’ostello migliore

Dove deciderete di alloggiare sarà molto importante, soprattutto se viaggerete da soli. Ognuno ha diverse priorità ma leggere le recensioni di altri viaggiatori è assolutamente vitale: fattori come posizione, se c’e un buon bar sono le cose più importanti per chi viaggia da solo. Vi consiglierei anche di prenotare prima di partire per la destinazione successiva per evitare stress inutile.

solo gap year advice Florence Wildblood

Non preoccupatevi se non riuscirete a vedere assolutamente tutto

Una cosa che ho imparato dopo 5 mesi di visite instancabili a musei geologici è che i loro contenuti non cambiano drammaticamente da città in città e non cambierà molto se non li visiterete proprio tutti. Sebbene possa sembrare uno spreco di tempo fare festa tutta la notte e restare in ostello sbronzi il giorno seguente, ci saranno dei momenti in cui vorrete farlo: non sentitevi come se doveste vedere dei siti turistici solo per eliminarli da una lista.

solo gap year advice Florence Wildblood

Molte persone vi fisseranno e molte altre vi daranno soprannomi

Per quanto vi sforzerete, avrete sempre la sensazione di essere qualcuno/a che non c’entra assolutamente nulla con ciò che lo circonda. Così, molte persone troveranno un modo per farvi sentire il più inappropriati possibili mentre camminate per strada. Questo non cambierà. Il mio consiglio è quello di mettervi le cuffie per non sentire quegli uomini di mezza età che urlano da una parte all’altra della strada.

Non abbiate paura a passare del tempo da soli

Non c’è motivo di passare del tempo con delle persone che non vi interessano particolarmente solo per essere in compagnia. Durante il vostro soggiorno all’estero imparerete a capire quanto vi serva del tempo per voi stessi e che mangiare da soli ad un bar sta divenendo pian piano un vero piacere.

Florence Wildblood solo gap year travel advice

Non odiatevi perché vi manca casa

Una volta ho mangiato qualcosa che mi ha fatta vomitare per tutto il pittoresco parco nazionale e tutto ciò che volevo era la mia mamma. Malattia, “bedbugs”, viaggi all’una di notte in bus…tutte queste cose accadono tutte insieme, prima che ve ne accorgiate, vi ritroverete a piangere sopra la vostra colazione pensando come tutti stiano andando avanti e scordandosi di voi a casa. Colpo di scena: ehm… in realtà no! Queste cose accadono ma poi passano e troverete il tutto molto divertente e crescerete dopo queste esperienze.

Consigli per il post-viaggio

Florence Wildblood solo gap year travel advice

Risparmiate dei soldi per il taxi all’aeroporto

Questa è tanto scontata quanto importante!

Sappiate che tornare a casa sarà uno shock

Mentre alcune persone si sentono pronte e decidono di partire in quel momento, per altri non è ugualmente divertente tornare alla routine di tutti i giorni. La prima settimana o poco più vi sentirete un po’ giù e tutti vorranno sapere delle vostre storie, ma prima o poi tutto tornerà alla normalità e vi ritroverete a pianificare il prossimo viaggio. Assicuratevi di restare in contatto con chi avete conosciuto in viaggio: non potete sapere quando i vostri sentieri si incroceranno ancora.

solo gap year advice Florence Wildblood

 

L’autrice

Florence Wildblood ha appena terminato il suo viaggio di un anno all’estero e sta studiando alla University College London mentre pianifica il suo prossimo viaggio. Potete seguire le sue avventure a Londra e in giro per il mondo sui suoi profili Instagram (@flossiewild) e Twitter (@flossiewild).

Lascia un commento

Get the App. QRGet the App.
Get the App. QR  Get the App.
Scorri verso l'alto