Guida della Croazia per i viaggiatori zaino in spalla

Language Specific Image

Andare in Croazia con lo zaino in spalla significa essere impulsivi, giusto? Si tratta di prenotare il volo e di essere spontanei. È fare nuove amicizie da tutto il mondo nel vostro ostello. O nuotare fino a un’isola dalmata deserta e combattere i ragni vedova nera a mani nude. Oh, mi sto lasciando trasportare?

Ma sul serio, viaggiare in Croazia con lo zaino in spalla significa immergersi nella cultura, imparare un po’ di lingua ed esplorare il maggior numero possibile di pittoreschi villaggi di terracotta, spiagge di ciottoli e parchi nazionali che incutono timore. Si tratta di sfruttare al massimo il vostro viaggio!

Siete già eccitati? Dovreste esserlo. Ecco alcuni consigli su come realizzare il vostro sogno di viaggiare in Croazia con lo zaino in spalla.

Vai direttamente a:

  1. Il periodo migliore per visitare la Croazia
  2. Viaggiare in Croazia
  3. Ostelli in Croazia
  4. Costi di viaggio in Croazia
  5. Dove andare e cosa fare in Croazia
  6. Cibo croato
  7. Vita notturna in Croazia
  8. Frasi in croato
  9. La Croazia è sicura?
  10. Consigli di viaggio sulla Croazia

Il momento migliore per visitare la Croazia

Il quadrante delle temperature della Croazia è diviso saldamente a metà e dovrete tenere conto di entrambi i lati quando pianificherete il vostro viaggio con lo zaino in spalla. La costa è mediterranea, con estati frizzanti e inverni miti. L’entroterra è continentale, con temperature calde in estate e inverni che raggiungono temperature da capogiro.

Il periodo di punta per visitare la costa croata è quello di luglio e agosto, quando vi aspettano giornate miti e beatamente calde, acque scintillanti color zaffiro e tanto movimento. In questo periodo la gente del posto si dirige verso le spiagge e le città dell’entroterra diventano un po’ più tranquille. Se quello che cercate sono spiagge affollate e cene all’aperto, le città costiere come Dubrovnik e Spalato sono perfette in questo periodo dell’anno. Tenete presente, però, che le temperature possono raggiungere il punto di ebollizione e le visite turistiche possono davvero prosciugare le vostre energie, oltre a farvi diventare rossi come aragoste. Cercate di evitare le ore centrali della giornata, che tendono a essere le più calde.

L’estate è fantastica anche per gli amanti della musica: la Croazia si anima di festival. Che siate alla ricerca di vibrazioni carnevalesche, di ritmi elettronici o di un’alternativa spirituale, troverete sicuramente qualcosa che fa per voi. Il Sonus Festival è il sogno degli amanti della techno, mentre Obonjan si svolge su un’isola ecologica con musica olistica, conferenze sul benessere e workshop per la ricerca dell’anima. Se avete sempre desiderato ballare tutta la notte in un anfiteatro romano al suono della dubstep, l’Outlook Festival è la scelta migliore.

Ricordate che gli alloggi si riempiono rapidamente durante l’alta stagione e con essi anche i prezzi. Spesso conviene viaggiare nei mesi di giugno e settembre se si vuole risparmiare qualche soldo ed evitare lo stress di ostelli completamente prenotati.

Da ottobre a maggio la costa scintillante è molto tranquilla e molti bar e ristoranti chiudono per l’inverno. Approfittate del clima più fresco per visitare aree di bellezza naturale come i Laghi di Plitvice o il Parco Nazionale di Krka. Se vi recate in visita tra la fine di ottobre e novembre, potete aspettarvi la neve, che rende sempre le foto più belle. Se volete visitare la città, indossate gli scarponi da trekking e dirigetevi verso centri storici come Spalato o la Croazia: il clima più freddo significa meno folla e molte tariffe scontate in ostelli, bar e ristoranti. Vincere per vincere!

backpacking croatia - lake sunset

📷 thetravelcrush

Viaggiare in Croazia

Viaggiare in Croazia può essere un gioco da ragazzi se lo si pianifica correttamente, ma se non lo si fa si rischia di rimanere bloccati e nessuno lo vuole.

Gli autobus sono la principale forma di trasporto pubblico e sono quasi sempre puntuali. Certo, gli autobus non sono il mezzo di trasporto più affascinante, per cui probabilmente non fotograferete il viaggio, ma sono economici, puliti e confortevoli. Attraversano le montagne, percorrono le stradine pittoresche delle città e offrono splendide vedute della campagna croata che altrimenti non vedreste mai.

È possibile prenotare i biglietti online su siti web come Autotrans, una delle maggiori compagnie di autobus del Paese. Altri siti di prenotazione online sono GetByBus e Vollo. Se sapete che le date del vostro viaggio non cambieranno, è meglio prenotare in anticipo per essere sicuri di trovare un posto a sedere, altrimenti potreste ritrovarvi schiacciati nel corridoio e in piedi per tutte le cinque ore di viaggio. Non è l’ideale.

Se non siete sicuri delle date di viaggio, recatevi alla stazione degli autobus il giorno prima del viaggio e prenotate di persona o trovate un tisak (edicola) dove potete acquistare i biglietti a un prezzo leggermente scontato.

Alcuni autobus viaggiano anche di notte. Potreste pensare che il viaggio in autobus di dieci ore da Pola a Spalato sembri un ottimo modo per risparmiare sui costi dell’alloggio e per schiacciare 40 pisolini, ma in realtà potrebbe non essere così. Gli autobus per la notte in Croazia hanno spesso le luci accese e la musica a tutto volume, quindi probabilmente non riuscirete a dormire molto. Inoltre, su questi autobus c’è quasi sempre un chiacchierone spiritualmente risvegliato che non vede l’ora di parlare del significato della vita. Buona fortuna a sonnecchiare.

Ci saranno molte fermate di riposo lungo il percorso, ma cercate di non rimanere indietro: è risaputo che questi autobus croati partono a razzo, con o senza il pienone. Se vi trovate a piedi, provate a raggiungere la città più vicina e a prendere un altro autobus da lì.

Un tour Busabout è un’alternativa al viaggio fai-da-te e vi offre la libertà e la flessibilità di esplorare i luoghi della Croazia da non perdere, scegliendo quando salire e scendere. Se siete interessati a questo tipo di viaggio, potete trovare maggiori informazioni qui.

I treni sono un altro ottimo modo per viaggiare in Croazia e rispetto al resto d’Europa i biglietti sono piuttosto economici. Tenete presente che con la costruzione delle moderne autostrade, i treni impiegano più tempo degli autobus. Ad esempio, la tratta Zagabria-Rijeka dura solo due ore e mezza in autobus, mentre il treno ne impiega più di quattro. Vale la pena ricordare che la famosa città di Dubrovnik non ha una stazione ferroviaria. I siti web dei treni croati non offrono un servizio di prenotazione online, ma è possibile utilizzare le Ferrovie croate e Die Bahn per consultare i percorsi, gli orari e i prezzi dei treni.

Per raggiungere le isole è meglio prendere un traghetto da uno dei porti principali della Croazia, come Spalato o Dubrovnik. Sia i traghetti per auto che i catamarani sono comodi e puliti, dotati di servizi igienici (è sempre bene saperlo) e alcuni hanno anche bar e ristoranti eleganti. La prenotazione anticipata non garantisce un posto a sedere, quindi è meglio arrivare al molo in anticipo. Se avete intenzione di portare con voi la vostra bicicletta, dovrete pagare un supplemento che va da 13 a 45 KN. Se volete risparmiare, è meglio viaggiare senza veicolo e noleggiarne uno a destinazione.

Se viaggiate solo nelle grandi città come Zagabria, Spalato e Dubrovnik, è probabile che non abbiate bisogno di un’auto. Se invece siete diretti in campagna e volete una libertà in più, potreste averne bisogno. Siti web come Rentalcars.com offrono sempre buone offerte. Anche le compagnie automobilistiche come Sixt Croazia, Fleet e Oryx sono altamente raccomandate. Tenete presente che l’età minima per noleggiare un’auto in Croazia è di 21 anni. Se siete abbastanza fortunati da avere un’età inferiore, dovrete pagare un supplemento per i giovani conducenti. Cercate di tenere gli occhi sulla strada; guardare fuori dal finestrino gli incredibili paesaggi della Dalmazia è allettante, ma può anche essere pericoloso!

backpacking croatia - boat and lake

📷 thetravelcrush

Ostelli in Croazia

Soggiornare in un ostello è una delle esperienze migliori che possiate fare durante il vostro viaggio con lo zaino in Croazia e ne troverete molti che soddisfano tutte le vostre esigenze.

Spalato è la seconda città più grande della Croazia e offre un panorama di ostelli vario ed economico. L’En Route Hostel è molto popolare tra i backpacker e si trova a meno di cinque minuti a piedi dalle principali attrazioni della città e dalla spiaggia di Bačvice. Questo ostello tende a fare il pieno di prenotazioni in anticipo, per cui è necessario avere molto tempo a disposizione se si vuole trovare una stanza qui. Il Backpackers Fairytale è un’altra scelta popolare. Organizzano visite turistiche di gruppo e sessioni di stand up paddle board per i più coraggiosi. I prezzi partono da circa 10 €a notte per un dormitorio e, anche in questo caso, le camere si riempiono rapidamente, quindi prenotate in anticipo se non volete perdere l’occasione.

Se avete puntato su Dubrovnik, dovrete pagare un po’ di più. La città è frequentata da fan sfegatati di Game of Thrones che vogliono esplorare Approdo del Re. Potete ringraziare la popolare serie televisiva per il recente aumento dei prezzi! Ci sono ancora alcune gemme a prezzi moderati, quindi non perdete le speranze. L’ostello Euroadria è uno di questi, con interni moderni, belle aree comuni e camere di dimensioni generose. Le mura della Città Vecchia si trovano a 10 minuti di autobus e la stazione è proprio davanti all’ostello. Se cercate una posizione centrale, ci sono molte opzioni economiche tra cui scegliere. Lo storico Hostel Angelina si trova proprio nel cuore dell’azione, con accoglienti camere climatizzate, una cucina completamente attrezzata e alcune delle migliori viste sulla città. Una notte qui vi costerà circa 15 euro, il che vi lascerà un bel po’ di spiccioli per un aperitivo.

Se soggiornate a Zagabria, perché non cercate lo Swanky Mint Hostel? È difficile trovare qualcuno che abbia una parola negativa da dire su questo posto vivace, situato in una fabbrica tessile delXIX secolo nel centro della città. All’arrivo vi verrà servita una tradizionale rakija (acquavite di frutta) e il mattino dopo potrete gustare una colazione a letto a base di deliziose specialità croate. L’hotel dispone di una piscina all’aperto, di un bar alla moda e di DJ che suonano musica da festa fino a notte fonda. Cosa c’è da non amare? I dormitori condivisi partono da soli 10 euro, il che mi sembra un affare!

Hvar è una delle isole dalmate più popolari e probabilmente al porto dei traghetti sarete sommersi da una marea di offerte di camere private. Optate per un soggiorno a Villa Skansi, che si distingue dagli altri alloggi economici per la sua posizione tranquilla, adagiata sulla piccola baia di Krizna luka. Si trova a 5 minuti a piedi dal centro della città, ma sembra un milione di chilometri. I dormitori sono grandi e dai colori vivaci, circondati da alberi di agrumi, melograni e bouganville. Villa Marija è un’altra delle strutture più apprezzate. Accoccolatevi a guardare il tramonto sulla terrazza dell’ostello con vista sul mare. C’è anche un cocktail bar alla moda per fare amicizia, una piscina per tenersi in forma e una sala lettura per chi desidera un po’ di zen. Una camera in un dormitorio condiviso qui parte da 34 €, un prezzo un po’ alto, ma quando ci si sveglia con una vista mozzafiato sull’oceano non ci si può lamentare.

backpacking croatia - hostel with pool

Villa Marija a Hvar

Costi di viaggio in Croazia

Viaggiare in Croazia non deve necessariamente costare un occhio della testa. Se scegliete con intelligenza i luoghi da visitare, come vi spostate e dove mangiate e bevete, potete risparmiare una piccola fortuna. Ecco alcuni consigli e suggerimenti per aiutarvi a viaggiare.

Anche se la Croazia fa parte dell’Unione Europea, al momento la valuta rimane la Kuna. Troverete molti prezzi scritti in euro e potreste ancora essere in grado di pagare in euro alcuni articoli come alloggi privati, taxi e pasti. Per tutto il resto, è meglio pagare in kune.

Per risparmiare sulle spese bancarie, vi consiglio di usare il più possibile i contanti. Non acquistate Kune croate in grandi quantità nel Regno Unito, a meno che non facciate un giro di acquisti. Il tasso di cambio in molti uffici di cambio della Croazia è molto competitivo e spesso offre un tasso migliore di quello del Regno Unito.

Se potete, evitate di prendere i taxi in città costose come Hvar. Se avete consumato un cocktail croato di troppo e non riuscite più a fare due passi in linea retta, allora avete una scusa e un taxi potrebbe essere una buona opzione. In poche altre circostanze è consigliabile pagare più di 10 europer fare meno di 5 minuti di strada.

Come regola generale per il portafoglio, evitate le trappole per turisti quando scegliete i posti dove mangiare. Cercate i ristoranti nelle strade secondarie, con il menu scritto in croato, dove il cibo sarà più economico e probabilmente anche più gustoso.

Sfruttate al massimo le cose gratuite da vedere e da fare. Pagare per una visita guidata di Dubrovnik va benissimo, ma perché non risparmiare quei centesimi e seguire una delle guide sul buon vecchio Google? Passeggiate nei mercati locali e nelle piazze incontaminate, esplorate le spiagge, visitate le chiese storiche e immergetevi nel sapore locale. Sfruttate al massimo le offerte gratuite in Croazia prima che inizino a farvi pagare.

backpacking croatia - sea and sunset

📷 thetravelcrush

Dove andare e cosa fare in Croazia

Con così tante gemme tra cui scegliere per il vostro viaggio zaino in spalla in Croazia, può essere difficile sapere da dove cominciare. Sia che vogliate spiagge scintillanti, parchi nazionali impressionanti, villaggi incantevoli o città storiche, la Croazia ha tutto.

Perché non iniziare il vostro viaggio zaino in spalla dalla sottovalutata capitale della Croazia, Zagabria? Si tratta di un tipico hotspot europeo, che combina affascinanti edifici del XIX secolo con numerosi bar, ristoranti e una vivace scena di caffè. Trovate il tempo di vedere la Chiesa di San Marco e la Cattedrale di Zagabria, prima di recarvi al Museo d’Arte Contemporanea per un’esperienza da leccarsi i baffi con l’avanguardia croata. Scattate un selfie nell’eccentrico Museo delle Relazioni Spezzate prima di sorseggiare un caffè in una delle tradizionali caffetterie croate. Zagabria è anche un’ottima base di partenza per esplorare le colline e i villaggi circostanti della regione di Zagorje, a nord, o l’affascinante città color pastello di Varaždin, perfetta per una gita di un giorno.

Tra Zagabria e la costa scintillante (e facilmente visitabili da entrambe) si trovano i famosissimi Laghi di Plitvice. All’interno del lussureggiante parco nazionale si trovano 16 laghi cristallini che si gettano l’uno nell’altro attraverso una serie di splendide cascate naturali. Ci vorranno circa 6 ore per esplorare il parco a piedi, oppure potrete utilizzare le numerose barche e gli autobus del parco, tutti gratuiti. Non c’è dubbio.

Se vi spostate più a nord, troverete l’affascinante città di Zara, ricca di rovine romane, chiese medievali e vivaci vicoli centrali. Se la utilizzate come base, potete prendere una serie di traghetti per le piccole isole di Silba, Olib e Dugi Otok. Sono tutte straordinariamente belle e relativamente incontaminate dal turismo, quindi un’ottima opzione per chi desidera un’autentica istantanea dei Balcani.

Quindi, dirigetevi a sud verso Spalato, la seconda città più grande della Croazia e il vostro portale verso altre splendide isole. Prendetevi un po’ di tempo per immergervi nell’atmosfera vivace, fate un salto in un bar locale per un bicchierino o tre (o quattro) e poi dirigetevi verso l’imponente Palazzo di Diocleziano. Non necessariamente in quest’ordine.

Lasciatevi un po’ di tempo per lasciare la terraferma ed esplorare le isole. La più vicina è Brač, dove troverete vivaci villaggi di pescatori e spiagge che si estendono a perdita d’occhio. Potete scegliere di sorseggiare il pomeriggio nella città di Bol o di esplorare la campagna dell’isola, dove gli asini lavorano ancora i terreni agricoli accidentati e i nonni siedono sulle scale dei villaggi, sorseggiando tè e giocando a bocce.

Dall’altra parte del mare, Hvar è uno dei luoghi più popolari per i viaggiatori zaino in spalla e per gli amanti del sole. Questo è il posto dove andare per una vera festa. Troverete centinaia di giovani festaioli, con le mani in alto, che ballano sui tavoli dei leggendari bar sulla spiaggia della città. I drink variano da quelli più alti a quelli più economici, quindi sia che siate dei couch surfer attenti al budget, sia che siate dei glam-packer, ce n’è per tutti i gusti. Una volta smaltita la sbornia, prendetevi un po’ di tempo per esplorare i vigneti assolati, le cime scoscese e i campi di lavanda meravigliosamente profumati per cui l’isola è famosa.

Nessun elenco di luoghi da visitare in Croazia sarebbe completo senza menzionare la parola D. Con calma, la D sta per Dubrovnik. Questa città medievale fortificata ha molto da offrire oltre a Game of Thrones. Passeggiate per le strade acciottolate della città, fate un salto nei numerosi negozi e bazar locali, prendete una barca per l’isola di Lokrum o lasciatevi completamente alle spalle il centro storico con una sessione di nuoto sulla spiaggia di Banje.

backpacking croatia - girl in hat

📷 thetravelcrush

Cibo croato

Il cibo in Croazia è, in una parola, delizioso. Le influenze salate e dolci dei frutti di mare del Mediterraneo si uniscono alle croccanti cotolette e agli strudel dell’Europa centrale. La cucina è varia e ci sono alcuni piatti che non potete lasciare la Croazia senza averli provati. Dopo aver assaggiato alcuni dei piatti più deliziosi che il Paese ha da offrire, abbiamo ristretto il campo ad alcuni selezionati. È un lavoro difficile, ma qualcuno deve pur farlo.

Colazione

Molti ostelli in Croazia includono la colazione nel prezzo della pensione. Nella sua forma più semplice, si tratta di un paio di panini, qualche fetta di formaggio e/o prosciutto e un po’ di marmellata. Le caffetterie croate servono un caffè forte e non si preoccupano se volete prendere di nascosto qualche croissant dalla panetteria locale. Le colazioni tradizionali all’inglese sono difficili da trovare, quindi se siete alle prese con i postumi di una sbornia, dovrete cucinare voi stessi.

Se volete fare una colazione veloce, recatevi in una pekara (panetteria) locale e ordinate un panino appena fatto con formaggio, prosciutto o pršut (prosciutto crudo). La maggior parte delle panetterie vende anche dolci tradizionali balcanici come i burek, ripieni di carne macinata, spinaci o formaggio.

Pasti principali

I ristoranti aprono per il ručak (pranzo) verso mezzogiorno e servono fino a mezzanotte inoltrata, il che è utile per gli spuntini notturni.

Per cominciare, dovete assaggiare il pršut, il famoso prosciutto crudo croato. Viene spesso servito su un piatto, insieme al formaggio paški dell’isola di Pag. Si tratta di un mix saporito di parmigiano e cheddar stagionato. Il kulen, una piccante salsiccia di maiale alla paprika proveniente dall’est, è un’altra specialità locale dal sapore delizioso come sembra.

A Zagabria, gli štrukli sono un antipasto che ha il sapore del “comfort food”. Si tratta di grandi palline di pasta ripiene di bontà al formaggio e poi bollite o cotte al forno. In ogni caso, sono diabolicamente coinvolgenti.

Piatti di carne

Pensate a braciole e costolette alla griglia o in padella. Pensate alla lonza di maiale perfettamente sfrigolata, accompagnata da una salsa piccante a base di melanzane e peperoni chiamata ajvar. I piatti a base di agnello sono solitamente arrostiti allo spiedo e, viaggiando per il Paese, è abbastanza comune vedere ristoranti lungo la strada dove l’intero animale viene arrostito tradizionalmente su un fuoco aperto. Fermatevi, mangiate qualcosa e, nel frattempo, fate amicizia con la gente del posto.

Piatti a base di pesce

Sulla scintillante costa croata i vostri sogni di pesce diventeranno realtà. Assaggiate un’insalata di polpo saporita e deliziosa, irrorata da olio d’oliva ed erbe fresche. Il pesce può essere cucinato alla griglia, al forno o bollito, anche se la griglia è il modo preferito dagli abitanti del luogo. L’oslić (nasello) è uno dei tipi di pesce più economici e viene spesso servito a fette e in padella nel pangrattato, con un contorno di patate morbide e insalata fresca. Non andate via senza aver assaggiato il crni rižot, un risotto nero fatto con fette di calamaro e nero di seppia. Assaggiarlo è un rito di passaggio per i backpacker croati!

Vegani e verdure

Imparare la frase “Ja ne jedem meso” vi aiuterà in molte situazioni di carne. Realisticamente, potreste comunque vedervi servire un’insalata con pezzetti di pancetta sparsi sopra, ma almeno ci avete provato. La cucina croata è molto ricca di carne, ma le cose stanno lentamente cambiando. Zagabria, Osijek, Parenzo e Spalato offrono ora una serie di ristoranti vegetariani, mentre Dubrovnik ne ha uno vegano. Se chiedete, troverete una manciata di ristoranti che offrono menu vegetariani o, per lo meno, opzioni vegetariane. Se vi dirigete a nord o a est, potrete gustare specialità prive di carne come gli štrukli, ravioli al formaggio. Lungo la costa troverete un’infinità di pizze, pasta e risotti vegetariani che possono essere gustati anche dai carnivori.

backpacking croatia - city

📷 thetravelcrush

Vita notturna in Croazia

Dalle feste danzanti più scatenate alle feste musicali più rilassate e alle feste in barca che non dimenticherete in fretta, la Croazia si anima dopo il tramonto. C’è tutto ciò che serve per una serata di alto livello: spiagge meravigliose, alcolici venduti a palate e ritmi incalzanti suonati da DJ esperti. Cercate solo di non finire in un taxi alle tre del mattino a mandare messaggi al vostro ex: conservate i tragici messaggi da ubriachi per il Museo delle Relazioni Infrante. Ecco alcune delle migliori feste croate da provare.

Noa Beach Club, Isola di Pag

Tutti e la loro nonna conoscono Zrće e le sue folli feste in spiaggia. Durante i mesi estivi lo spazio si anima con festival come Croatia Rocks, Electro Beat e Hideout. Situato su un’idilliaca spiaggia di ciottoli e aperto fino alle sei del mattino, il Noa Beach Club è il posto giusto. Anche i drink sono economici, il che aiuta sempre.

Carpe Diem, Hvar

Una volta esauriti i ristoranti eleganti e le tortuose strade acciottolate, è il momento di esplorare l’isola al calar del sole. Scendete al porto e prendete un taxi d’acqua per l’isola di Stipanska. Qui troverete una festa in piena regola, con una folla chiassosa e i migliori DJ che suonano le ultime novità. Nei mesi estivi questo posto è pieno di gente, quindi se lo stile sardina non fa per voi, provate il Carpe Diem nei mesi più tranquilli. Assicuratevi di prendere l’ultimo taxi d’acqua per tornare a Hvar la mattina, altrimenti il viaggio potrebbe essere più lungo del previsto.

Giungla di Boogie, Korcula

Con un nome come Boogie Jungle sapete già che vi divertirete. C’è un bus navetta che collega il locale al centro città, quindi non dovrete preoccuparvi di essere fregati durante il viaggio. Questo è il posto giusto per le serate di festa a tema e i suoi eventi anni ’80 fanno sì che i frequentatori tornino sempre.

Klub Quasimodo, Spalato

IlQuasimodo è il posto giusto se cercate una serata economica e indie in città. Situato al secondo piano di un palazzo di uffici dall’aspetto sospetto, questo spazio spoglio serve buone vibrazioni e drink forti fino alle ore piccole. Se le band locali dell’ex Jugoslavia sono in tournée, è qui che suonano. Ci sono serate di spoken word, quiz e, soprattutto, alcolici a buon mercato.

Santos Beach Club, Rab

Diciamolo subito: questo posto è popolare tra i nudisti, quindi se volete aggiungere un po’ di va va voom al vostro viaggio con lo zaino in spalla, ecco dove andare. La musica inizia dopo il tramonto, quindi passate la giornata a prendere i raggi o a flirtare con i frequentatori della spiaggia nudista prima di scatenarvi in una fiesta. Il Santos Beach Club è aperto solo in estate.

Revelin Culture Club, Dubrovnik

Il Revelin Culture Club si trova in una spigolosa fortezza del XVI secolo, all’estremità del centro storico di Dubrovnik. Vi troverete un bar enorme, una pista da ballo grande come un campo da calcio e un sacco di buone vibrazioni. Nel frattempo, i DJ propongono brani attuali e di tendenza per farvi scatenare fino a notte fonda. È il luogo perfetto per fare festa, ballare un po’ con i papà e iniziare una conversazione con l’attraente sconosciuto al bar. Per rendere le cose ancora migliori, i drink sono economici, il che non vi dà alcuna scusa per non offrire al vostro nuovo “amico” un cocktail o tre.

backpacking croatia - city centre

📷 thetravelcrush

Frasi in croato

Nulla colma le differenze culturali come lo sforzo di parlare un po’ la lingua locale. E sì, anche se la tentazione di imparare solo a dire la parola con la fe nient’altro è forte, questo non vi aiuterà molto quando sarete bloccati con un conto salato che non capite.

Ecco un elenco di alcune delle parole e delle frasi più utili che potreste aver bisogno di usare quando viaggiate con lo zaino in Croazia. Anche una conoscenza di base della mimica può essere utile.

Bok – Ciao

Doviđenja! – Addio

Kako si (ti)? – Come stai?

Ja sam dobro. – Sto bene.

Kako se (ti) zoveš? – Come si chiama?

Ja se zovem… – Mi chiamo…

Govorite li engleski? – Parla inglese?

Žao mi je, ne govorim hrvatski. – Mi dispiace, non parlo croato.

Imam rezervaciju za danas na ime Sam Bella. – Ho una prenotazione per oggi a nome di Sam Bella.

Oprostite, gdje je WC? – Mi scusi, dov’è il bagno?

Mogu li dobiti jelovnik? – Posso avere il menu?

Želim platiti. Mogu li dobiti račun? – Voglio pagare. Posso avere il conto?

Hvala – Grazie.

Come già detto, “Ja ne jedem meso” sarà utile anche per i vegetariani. Significa “Non mangio carne”

La Croazia è sicura?

La Croazia è un Paese sicuro, ma ci sono un paio di cose di cui dovete essere consapevoli prima di partire per l’avventura di una vita con lo zaino in spalla. Niente rovina un viaggio come il furto della borsa, l’investimento o la presenza di una mina antiuomo.

La guida è notoriamente pericolosa in Croazia. Forse è il paesaggio scintillante che rende ancora più difficile concentrarsi per non tamponare l’auto davanti, ma nel 2016 ci sono state 7,3 vittime della strada ogni 100.000 abitanti, rispetto alla media di 2,8 vittime della strada nel Regno Unito. Prendete le dovute precauzioni quando fate l’autostop.

Dove è possibile, prendete i mezzi pubblici piuttosto che noleggiare un’auto. Se salite su un treno notturno, tenete sempre d’occhio la vostra borsa; è noto che i ladri e i borseggiatori prendono di mira i turisti sulle tratte più frequentate. Magari tenete quell’orologio sfarzoso lontano dal polso e in tasca finché non arrivate a destinazione.

La Croazia è nota per i chilometri e chilometri di acqua blu scintillante lungo il Mar Adriatico, ma dovete abbandonare l’idea di sabbia bianca e palme. La maggior parte delle spiagge è ricoperta da grossi ciottoli che hanno causato alcuni incidenti nel corso degli anni. Vi consigliamo di mettere in valigia un buon paio di scarpe da spiaggia, per evitare di scivolare e scivolare dappertutto. Anche i ricci di mare sono molto comuni e sono molto fastidiosi se ci si trova sopra.

L’ultimo consiglio di sicurezza riguarda le mine antiuomo disseminate dall’esercito durante la Guerra di Liberazione dal 1991 al 1995. Mentre la capitale e la costa sono libere da mine, la campagna e le aree più piccole sono ancora interessate. La strada da Karlovac a Plitvitce ha ancora problemi di mine, quindi è meglio non percorrerla. Chiedete alla gente del posto informazioni su percorsi specifici e tenete d’occhio il cartello con il triangolo rosso che dice “ne prilazite” Significa “vietato l’ingresso” e bisogna prestare attenzione.

backpacking croatia -sea and island

📷 thetravelcrush

Consigli di viaggio per la Croazia

È ovvio che per visitare la Croazia è necessario avere un passaporto valido. Prima di partire per il vostro viaggio, assicuratevi che sia rinnovato e in regola con le scadenze. Se il passaporto non è più valido mentre siete in viaggio, contattate la vostra ambasciata il prima possibile. È anche una buona idea portare con sé le fotocopie di tutti i documenti di viaggio, nel caso in cui vengano smarriti o rubati.

I cittadini del Regno Unito, dell’UE, degli Stati Uniti, del Canada, dell’Australia e della Nuova Zelanda non hanno bisogno di visti per visitare la Croazia. Se provenite da uno di questi Paesi, potete visitare felicemente la Croazia per un massimo di 90 giorni in un periodo di 180 giorni. Se provenite da altri Paesi, potreste aver bisogno di un visto; potete consultare l’elenco completo dei Paesi e dei requisiti qui.

È sempre consigliabile stipulare una buona assicurazione di viaggio. Se siete residenti nell’UE, ricordate di portare con voi la tessera europea di assicurazione malattia (EHIC). Potete richiederla gratuitamente qui. Se vi capita qualcosa mentre siete in viaggio, questa tessera vi dà diritto all’assistenza sanitaria di base in Croazia. Tuttavia, non vi coprirà per le cure mediche continuative e per i trattamenti non urgenti, quindi dovreste sempre investire in una buona assicurazione di viaggio. Il numero dell’ambulanza di emergenza in Croazia è il 112.

Può sembrare ovvio, ma indossare tacchi da 15 centimetri o le scarpe da ginnastica più costose è il modo migliore per creare una barriera tra voi e l’ambiente circostante. Cercate di ridurre al minimo i gioielli. Togliete le cuffie dalle orecchie per poter parlare con la gente del posto e apprezzare i suoni della città, o per accorgervi se un’auto sta per investirvi.

Quando ordinate l’acqua del rubinetto e mangiate il cestino del pane in un ristorante croato, non aspettatevi che siano entrambi gratuiti. L’acqua è spesso a pagamento e il cestino del pane viene addebitato sulla ricevuta anche se ne mangiate solo un piccolo boccone. Un paio di kune in più probabilmente non vi faranno perdere la testa, ma potrebbero essere uno scenario stressante se state per esaurire le vostre scorte di denaro.

Fate lo sforzo di parlare qualche parola in croato quando potete; lo sforzo è sempre apprezzato e può aprire le porte a un’esperienza locale completamente nuova. Scoprite i luoghi interessanti che non sono elencati nelle guide turistiche. Iniziate a conversare con le persone che incontrate negli ostelli: potrebbero diventare amici per la vita. È utile anche chiedere alle persone che gestiscono gli ostelli se una strada o un quartiere sono vietati. Se vi dicono di sì, evitate.

Quando siete in città da soli, cercate di bere in modo responsabile. Se siete così ubriachi da non sapere come vi chiamate, né dove alloggiate, sarete un ostacolo per voi stessi e diventerete un bersaglio privilegiato per i borseggiatori. Nella vostra città, uscireste davvero e vi ubriachereste da soli? Oh, lo fareste? Allora non fatelo quando andate in Croazia con lo zaino in spalla.

Ecco fatto. Avete letto la guida definitiva al viaggio in Croazia con lo zaino in spalla. Ora non vi resta che smettere di trovare scuse e capire come fare. Avete davvero bisogno di pagare l’abbonamento a Netflix ogni mese? Forse è arrivato il momento di sostituire il frappuccino al caramello con un buon vecchio caffè nero e, prima che ve ne accorgiate, avrete risparmiato e sarete già in viaggio.

backpacking croatia - girl looking into sunset

📷 thetravelcrush

Continua a leggere 👇🏼

⭐️ Cibo croato

⭐️ I migliori ostelli di Dubrovnik, Croazia

⭐️ I migliori ostelli a Spalato, Croazia

Informazioni sull’autore

Sam è una ventenne di Manchester con un debole per i viaggi e le tazze di tè! Seguite le sue avventure su Instagram, YouTube e Snap: thetravelcrush

Get the App. QRGet the App.
Get the App. QR  Get the App.
Scorri verso l'alto