Mercati del sud-est asiatico: 10 tra i migliori in Thailandia, Vietnam e oltre

Language Specific Image

Il Sud-Est asiatico è la patria di molte cose sorprendenti, ma c’è una cosa in particolare che ha fatto bene: i mercati. Che si tratti di mercati alimentari, d’arte o di vestiti e borse taroccati, i mercati del Sud-Est asiatico non sono secondi a nessuno. Ecco 10 dei migliori da prendere in considerazione per il vostro prossimo viaggio nel Sud-Est asiatico.

Southeast Asian Markets: Chatuchak Weekend Market

Mercato del fine settimana di Chatuchak

(Bangkok, Thailandia)

Uno dei mercati del fine settimana più grandi del mondo (o almeno così dicono), Chatuchak a Bangkok contiene più di 8.000 bancarelle che vendono praticamente tutto quello che vi viene in mente, dall’artigianato alle antiche sculture in legno, dai souvenir locali ai mobili e alla moda. Assicuratevi di arrivare al mercato il più presto possibile per cercare di evitare la ressa dei turisti e della gente del posto. Il mercato è diviso in sezioni tematiche, il che rende la navigazione un po’ più facile, ma non così tanto. Se trovate qualcosa che vi piace, compratelo, perché le possibilità di tornare sui vostri passi sono scarse. È anche consigliabile procurarsi una mappa del mercato da una delle guardie di sicurezza per facilitare la navigazione.

Bazar notturno

(Chiang Mai, Thailandia)

Potreste voler tornare più volte per visitare questo mercato, perché anche se non è grande come il mercato del fine settimana di Bangkok menzionato sopra, potreste camminare per le strade e le file di bancarelle per quelle che sembrano ore. La storia di questo mercato risale alle prime carovane commerciali yunnanesi che si fermavano qui lungo il percorso da Simao, in Cina, a Mawlamyaing, in Myanmar. Oggi in questo mercato si trova praticamente di tutto, oltre a ottimi ristoranti e caffè e all’intrattenimento dal vivo che si svolge nei tre isolati che occupano il mercato ogni sera (fino a mezzanotte). Durante la visita, potreste persino scorgere qualche ragazza!Southeast Asian Markets: Long Bien Market

Mercato di Long Bien

(Hanoi, Vietnam)

Questo mercato potrebbe non essere nella lista dei mercati del Sud-Est asiatico, ma dovrebbe esserlo. Il mercato di Long Bien vi offre l’opportunità di sperimentare veramente la cultura di Hanoi, poiché non è il luogo in cui i turisti fanno acquisti, ma quello in cui gli abitanti del posto fanno acquisti. Si tratta di un mercato all’ingrosso di frutta e verdura e se vi svegliate molto presto al mattino, o non andate a letto e passate verso le 3 o le 4 del mattino, sarete testimoni della migliore azione di questo mercato. Sedetevi e osservate i vietnamiti nella loro vita quotidiana.

Mercato notturno di Luang Prabang

(Luang Prabang, Laos)

Aperto tutti i giorni dalle 17.00 alle 22.00, il mercato notturno di Luang Prabang è un’attrazione da non perdere se vi trovate in città. Date le piccole dimensioni di Luang Prabang, quando ogni sera chiudono la strada per il mercato notturno, si è quasi costretti (o almeno incuriositi) a percorrerla. Qui troverete molti oggetti unici che forse non troverete in altri Paesi vicini, tra cui gioielli realizzati con l’alluminio degli aerei e delle bombe della devastante storia di Luang Prabang. Cercate cibo laotiano economico e delizioso? C’è un vicolo che si stacca dalla strada principale ed è fiancheggiato da un buffet. Per circa 1 dollaro USA si può mangiare un piatto abbondante e fumante di cibo tradizionale.

Mercati galleggianti

(Bangkok, Thailandia)

Uno dei mercati più famosi di Bangkok, i mercati galleggianti sono un’esperienza che non si può fare ovunque. Quante volte può capitare di galleggiare in un mercato, passando accanto a una barca dopo l’altra, piena di verdura e frutta, cibo, souvenir e tutto il resto? La maggior parte delle persone non si rende conto che a Bangkok ci sono diversi mercati galleggianti che si possono visitare e, nonostante non siano i più comodi, vale la pena di fare un viaggio per visitarne almeno uno. Damnoen Saduak è conosciuto come uno dei mercati galleggianti più turistici e popolari, ma se volete un gusto più autentico, dove potrete mischiarvi alla gente del posto, provate il mercato galleggiante di Amphawa.

Southeast Asian Markets: Night Market Vientnam

Mercato notturno

(Hoi An, Vietnam)

I mercati del sud-est asiatico non sono solo un’attività diurna.

Nel tentativo di ripulire le strade di Hoi An, molti commercianti e bancarelle sono stati allontanati dal centro storico, costringendoli a trasferirsi fuori dai confini sorvegliati. Nel 2011 è stata sgomberata un’area al di là del fiume, un tempo piantagione di banane appena abitata di An Hoi, che ha lasciato spazio a uno dei più bei mercati notturni.

L’attrazione principale di questo mercato notturno sono le lanterne di seta per le quali Hoi An è famosa; gli stili sono infiniti, e se non ne trovate una del modello o del materiale che vi piace, un sarto locale ve ne confezionerà una sul momento. Oltre alle lanterne colorate, si possono trovare gioielli, ventagli, souvenir e le normali chincaglierie che si trovano nella maggior parte dei mercati.

Il momento migliore per visitare questo mercato è quando il sole tramonta e l’oscurità si insinua sulla città, perché An Hoi diventa l’isola delle mille lanterne illuminate!

Mercato di via Bugis

(Singapore)

Bugis Street ha una lunga storia. Negli anni ’50 era famosa per le sue attività notturne di “ladyboys” che attiravano marinai e militari da oltreoceano. Da allora la strada ha subito molti cambiamenti e oggi ospita oltre 800 negozi che vendono vestiti, scarpe e cibo a buon mercato. I negozi al piano inferiore offrono souvenir a buon mercato e sono il sogno dei turisti, mentre ai piani superiori si possono trovare altri tesori nascosti e la maggior parte degli abitanti del posto acquista prodotti di marca, arte e libri. I prezzi sono in realtà più convenienti al piano superiore, poiché non sono i prezzi turistici che si trovano al piano inferiore.

Mercato notturno di Angkor

(Siem Reap, Cambogia)

Questo è uno dei mercati più recenti del Sud-Est asiatico. Esiste solo dal 2007 ed è stato sviluppato con la missione di preservare l’artigianato tradizionale khmer, alleviando al contempo la povertà e contribuendo a migliorare la vita degli abitanti di Siem Reap. Questo mercato conta oltre 250 bancarelle, tutte realizzate con materiali naturali e grezzi come il bambù e il legno.

In questo mercato si possono trovare abbigliamento, arte e artigianato tradizionale. Uno degli altri articoli più popolari che potrete trovare qui sono i prodotti riciclati. Portafogli, borse e sacchetti sono tutti realizzati con materiali riciclati, come i sacchi di cemento riutilizzati. Oltre ai prodotti che si possono acquistare, qui ci si può anche fermare per un massaggio o per un film in 3D che insegna la storia del popolo Khmer.

Southeast Asian Markets: Sukawati Art Market

Mercato dell’arte di Sukawati

(Bali, Indonesia)

Fondato negli anni ’80, questo mercato è pieno di dipinti, figure scolpite in legno, artigianato e prodotti fatti a mano. Il mercato a due piani si trova a 20 km dal principale centro turistico di Bali, ma vale la pena visitarlo. Questo mercato vi offrirà un’esperienza più tradizionale rispetto ai grandi “centri di souvenir” turistici che troverete sparsi per Bali.

Al piano principale di questo mercato troverete articoli di abbigliamento come camicie, parei e tessuti, sul retro del mercato troverete prodotti per l’aromaterapia e sul davanti potrete trovare splendidi e colorati copriletto. Questo mercato è aperto dalle 8.00 alle 19.00 ed è noto per avere prezzi migliori rispetto agli altri mercati di Bali (ma questo non significa che non si debba barattare).

Mercato centrale

(Kuala Lumpur, Malesia)

Il Central Market di Kuala Lumpur esiste da molto tempo (dal 1888) e si trova a pochi passi da Chinatown. Questo mercato è nato tradizionalmente come un normale mercato delle pulci e da allora si è evoluto in un punto di riferimento ricco di cultura e patrimonio. Questo mercato è una grande rappresentazione del multiculturalismo in Malesia ed è diviso in base ai gruppi di razze. Proprio come gli altri mercati, qui si possono trovare tutti gli oggetti di artigianato tradizionale e i souvenir che si desiderano, e anche fermarsi in uno dei tanti deliziosi punti di ristoro lungo il percorso.

Si può anche fare una sosta all’Annexe Gallary, che è un’aggiunta recente al mercato e mette in mostra le opere di artisti locali e, se si è fortunati, si può assistere a uno spettacolo culturale tradizionale sul palco all’esterno del mercato.

Lauren Marinigh

Fondatrice e blogger – Twirl The Globe: Blog di viaggi (ex Wanderlust)

Freelance per i social media e il marketing – laurenmarinigh.com

Si ringraziano Dennis Jarvis, Abdul Rahman, la Missione degli Stati Uniti presso le Agenzie delle Nazioni Unite a Roma, e Gregor Dodson per le eccellenti immagini da Flickr. Si prega di notare che erano sotto licenza Creative Commons al momento della pubblicazione.

Get the App. QRGet the App.
Get the App. QR  Get the App.
Scorri verso l'alto