Guida di viaggio USA

Language Specific Image

[efstabs class=”yourcustomclass”]
[efstab title=”Casa” active=”active”]

Visitando gli Stati Uniti

Dall’arrivo di Colombo, poco più di 500 anni fa, gli Stati Uniti hanno attirato milioni di visitatori, e non senza motivo.

[/efstab]
[efstab title=”Informazioni”]Confinando con il Canada a nord e con il Messico a sud, con coste sull’Oceano Atlantico, Artico e Pacifico, sul Mar dei Caraibi e sul Golfo del Messico, e con una superficie di oltre tre milioni e mezzo di chilometri quadrati, è chiaro che l’unica cosa che gli Stati Uniti hanno da offrire ai visitatori è la varietà. Naturalmente, tutti coloro che scelgono questa destinazione hanno un’idea preconcetta di ciò che li aspetta una volta arrivati.

Grazie alle migliaia di immagini che vediamo quotidianamente in televisione, è facile e stimolante formulare teorie su come sarà il Paese una volta arrivati. E quando ci si arriva, è ancora più emozionante riconoscere tutti i luoghi che si sono osservati da sempre. Ora monumenti famosi in tutto il mondo come la Statua della Libertà, il Washington Memorial, il Golden Gate Bridge e la Sears Tower non sono solo immagini in un libro o su uno schermo, ma vi ritroverete in piedi proprio accanto a loro a guardare con stupore. Lo stesso vale per le attrazioni naturali: il Grand Canyon, le Montagne Rocciose, le spiagge dorate della California e i Grandi Laghi. È questo che rende un viaggio negli Stati Uniti così speciale. A differenza di una destinazione sconosciuta, un viaggio negli Stati Uniti trasforma la fantasia in realtà.

Da quando Cristoforo Colombo visitò il Paese poco più di cinquecento anni fa, milioni di persone hanno visitato gli Stati Uniti. E il consenso generale tra questi visitatori è che ognuno dei cinquanta Stati assomiglia fortemente a un “mini paese”. Ognuno ha le sue caratteristiche geografiche, il suo clima, il suo accento e i suoi atteggiamenti sociali. Inoltre, ogni Stato o regione ha la sua storia, i cui resti sono ancora visibili nella maggior parte delle aree. Dai pellegrini e puritani del New England all’influenza dei francesi in Louisiana, dalla corsa all’oro in California alla guerra civile in Missisipi, ci sono numerose attrazioni che vi racconteranno la storia del Paese e renderanno la vostra visita divertente ed educativa.[/efstab]
[efstab title=”Mangiare fuori”]L’America è nota soprattutto per il patrimonio di fast food che ha introdotto nel resto del mondo, dal Kentucky Fried Chicken di Kuala Lumpur al Pizza Hut di Perth, dal McDonalds di Melbourne al Wendy’s di Wellington. Anche se si chiede all’americano medio di nominare alcuni dei piatti tipici del Paese, probabilmente hamburger e hot dog saranno sulla punta della lingua. Per quanto tutto questo possa sembrare spaventoso, la buona notizia per chi apprezza una cucina di qualità leggermente superiore è che la varietà dell’offerta negli Stati Uniti è superiore a qualsiasi cosa si possa immaginare.

La maggior parte delle regioni ha le proprie prelibatezze specifiche, quindi ecco solo alcuni dei piatti localizzati più comuni. Se vi trovate in Louisiana, avrete l’imbarazzo della scelta grazie al meraviglioso mix di piatti cajun e creoli. Particolarmente popolari sono il gumbo, la jambalaya, i po-boys e i gamberi. Più a nord, negli Stati del New England, dovreste assaggiare la zuppa di vongole e l’aragosta. Ancora più a nord, nell’isolato stato dell’Alaska, i chitoni sono una delle prelibatezze commestibili preferite. Si tratta di molluschi marini di forma ovale la cui conchiglia è formata da otto placche sovrapposte. I chitoni a forma di ciabatta cinese e di zampa di gallina sono i più popolari. In New Mexico è d’obbligo assaggiare le tortillas e le fajitas piccanti, ma anche la cucina messicana più tradizionale.

Tutte le grandi città hanno anche la loro Little Italy, Chinatown o il Quartiere Francese, quindi se vi mancano le delizie culinarie della vostra patria, una visita a una di queste città vi darà la possibilità di assaggiare tutti i vostri piatti etnici preferiti.

Infine, un soggiorno negli Stati Uniti non sarebbe completo senza provare alcuni dei piatti più tradizionali. Non vogliamo scoraggiarvi del tutto. Le costolette, le bistecche e i panini sono di solito di qualità molto superiore a quelli del vostro paese, quindi sarebbe un peccato non provarli almeno una volta. Anche se, in qualche modo, non credo che avrete bisogno di molta persuasione.[/efstab]
[efstab title=”Trasporto”]Come arrivare

La maggior parte dei visitatori degli Stati Uniti arriva in aereo, utilizzando un vettore internazionale o una delle numerose compagnie aeree statunitensi. I principali aeroporti internazionali si trovano a Boston, New York, Washington DC, Atlanta, Denver, Houston, Seattle, San Francisco, Anchorage, Miami, Dallas, Los Angeles, Chicago e Orlando e da questi aeroporti partono voli di collegamento per centinaia di altre città statunitensi. È anche possibile volare direttamente in molte altre città, ma i voli sono meno frequenti e di solito sono anche più costosi. Oltre ai viaggi aerei, esistono diversi passaggi di frontiera via terra tra gli Stati Uniti e il Canada e il Messico.

Come muoversi

Il modo più semplice per fare lunghi viaggi negli Stati Uniti è l’aereo. Naturalmente è anche il più costoso. Se vi recate in visita dall’estero, alcune compagnie aeree offrono un pass scontato al momento dell’acquisto del volo transatlantico o transpacifico. Questo pass, spesso sotto il nome di Visit USA, consente di viaggiare da una destinazione statunitense all’altra a prezzi ridotti. È necessario acquistarlo insieme al biglietto internazionale ed è il modo più semplice e veloce per visitare il Paese a basso costo. Un’altra opzione è quella di prenotare parti del viaggio con una delle cosiddette “compagnie aeree senza fronzoli”. Dovrete rivolgervi a un’agenzia di viaggi per ottenere le migliori offerte, ma è risaputo che le compagnie aeree statunitensi praticano prezzi inferiori a quelli dei principali vettori.

La maggior parte dei visitatori degli Stati Uniti consiglia vivamente il noleggio di un’auto, che rappresenta il modo più economico e comodo per visitare le attrazioni del Paese. E se avete superato una certa età e siete in possesso di un permesso di guida completo, probabilmente lo è. Se decidete di avvalervi di questo metodo di trasporto, dovete sapere che le tariffe di noleggio variano notevolmente. Il prezzo dipende dalle dimensioni dell’auto, dalla durata del noleggio, dal luogo e dall’orario di ritiro e riconsegna, per cui, se si decide di risolvere la questione all’inizio, si può risparmiare sul lungo periodo.

Tuttavia, la realtà per la maggior parte dei backpacker è che volare o guidare in tutto il Paese non è un’opzione. L’unica compagnia di autobus nazionale, Greyhound, offre il modo più economico per spostarsi e dovreste informarvi sul New Americpass, che offre viaggi illimitati in qualsiasi punto della sua rete. Purtroppo, per i viaggi a lunga distanza è lento e scomodo e non è consigliabile.

L’ultimo mezzo di trasporto per spostarsi negli Stati Uniti è l’Amtrak, il servizio ferroviario a lunga percorrenza. Anche in questo caso, non si tratta di un servizio ideale e la maggior parte dei servizi interurbani non è all’altezza degli standard europei. Le tratte sono limitate, i ritardi sono frequenti e spesso le tariffe non sono inferiori alle tariffe aeree scontate, quindi valutate attentamente prima di usufruire di questo particolare servizio. Nonostante ciò, la compagnia offre un Railpass USA che offre viaggi illimitati su Amtrack a seconda della regione in cui si acquista il pass, il che significa che se il viaggio è un po’ lungo, si può scendere, ristorarsi per la notte e prendere un altro treno il giorno successivo. È un servizio eccellente e aiuta il sistema ferroviario a riscattarsi agli occhi dei viaggiatori zaino in spalla.[/efstab]

[efstab title=”Cose da vedere”]New York

Il modo più semplice per vedere la moltitudine di attrazioni che New York ha da offrire è partecipare a un tour guidato della città. I tour di Gray Line New York offrono servizi hop-on, hop-off a prezzi che vanno da 25 dollari e vi porteranno in tutte le principali attrazioni turistiche. Potrete vedere la famosa Statua della Libertà e l’Empire State Building, oltre a Time Square, Central Park, il World Trade Centre, il Greenwich Village e il Rockefeller Centre. Gli altri principali operatori turistici della città sono le Circle Line Cruises, che offrono gite in barca intorno all’isola di Manhattan. Pur dando solo un’occhiata a tutto, offrono comunque il modo migliore per ammirare lo skyline di New York, famoso in tutto il mondo.

Washington DC

A Washington DC c’è un’incredibile quantità di attrazioni e la notizia migliore è che la maggior parte di esse sono gratuite. Potete visitare il Campidoglio degli Stati Uniti, la Casa Bianca, la Corte Suprema e il Federal Bureau of Investigations, oppure il Washington Memorial, i monumenti di Lincoln, Jefferson e Roosevelt, il cimitero nazionale di Arlington e il Vietnam Memorial senza pagare nulla. Oltre a quanto sopra, si possono trascorrere diversi giorni visitando gratuitamente le numerose parti dello Smithsonian Institute, una delle più grandi e impressionanti collezioni di musei del mondo. Tra i quattordici musei dell’istituto, i più famosi sono il National Air and Space Museum, il National Museum of Natural History, la National Gallery of Art e il National Museum of American History.

New Orleans

New Orleans è una città americana unica nel suo genere, in quanto è l’unica ad aver conservato il suo patrimonio spagnolo, francese e africano ed è anche l’unica ad essere costruita sotto il livello del mare. La combinazione delle tre culture originarie ha dato vita a una città che ospita ottimo cibo e musica, una vita notturna esotica, pratiche voodoo e una miscela culturale unica che sarebbe diventata il popolo creolo e cajun. Le attrazioni da non perdere durante il vostro soggiorno sono numerose. È d’obbligo una crociera in battello a vapore sul fiume, dove si potranno apprezzare il cibo e la musica di New Orleans e le attrazioni della città. New Orleans è conosciuta in tutto il mondo per il Mardi Gras, ma se non riuscite a partecipare al festival, dovreste visitare il Mardi Gras World, dove si svolge la festa. Potrete vedere gli artisti che preparano i carri per la parata dell’anno successivo e assaggiare la tradizionale torta del re, quindi tenete a portata di mano la macchina fotografica. Per lo shopping è consigliabile visitare il Riverwalk Marketplace, oltre centoventi negozi e caffè proprio lungo il Mississippi e a un paio di isolati di distanza dall’affascinante Quartiere Francese, che ospita tutto ciò che di tradizionale e sacro c’è in città. L’ultima attrazione da visitare sono i cimiteri di New Orleans o, come sono più comunemente conosciuti, le città dei morti. Il fatto che queste tombe siano costruite fuori terra è ciò che le rende così diverse e degne di essere visitate.

San Francisco

Situata a circa quattrocento miglia a nord di Los Angeles, sulla costa californiana, San Francisco è conosciuta soprattutto per le sue strade scoscese, le viste spettacolari sulla baia e sulle montagne circostanti e il famoso Golden Gate Bridge. Il ponte collega San Francisco con i promontori di Marin, famosi per le loro costose case. Quindi, se volete vedere come vive l’altra metà della popolazione, è un’esperienza interessante. La famosa prigione abbandonata di Alcatraz si trova nel mezzo della baia di San Francisco ed è aperta al pubblico. Per raggiungere “The Rock” è necessario usufruire di uno dei battelli da escursione che partono dai moli vicino a Fisherman’s Wharf. Oltre a raggiungere la prigione, è possibile prendere un traghetto per raggiungere il Museo della portaerei USS Hornet o i paradisi dello shopping di Sausalito e Tiburon, oppure semplicemente godersi la miriade di attrazioni turistiche della baia. Un altro modo altrettanto suggestivo per visitare i siti è quello di utilizzare le antiche funivie che ancora oggi fanno la spola tra le strade della città.

Los Angeles

Per tutti gli osservatori delle stelle, quelli che agiscono e non quelli astrologici, Los Angeles sarà tutto quello che avete pensato e anche di più. Il modo migliore per vedere Hollywood è un giro turistico a piedi, poiché la maggior parte delle attrazioni principali si trova a pochi isolati l’una dall’altra. Visitate Hollywood Boulevard, dove potrete vedere le famose impronte delle mani e delle scarpe di tutte le celebrità dal 1927. Ci sono anche diverse visite guidate che vi porteranno nelle case delle star del cinema, offrendovi una buona visione delle attrazioni di Hollywood. Vale la pena di visitare anche l’Hollywood Bowl, il cui parco è aperto gratuitamente tutto l’anno, e il Griffith Park and Planetarium, che offre un’eccellente vista della famosa insegna di Hollywood. Se siete amanti dei parchi avventura, visitate Disneyland, gli Universal Studios, Six Flags Magic Mountain o Knott’s Berry Farm, il primo parco a tema d’America. Infine, se la spiaggia è la vostra passione, Santa Monica, situata a circa 30 minuti dal centro di Los Angeles, merita una visita, anche solo per confermare che Baywatch è vagamente basato sulla vita reale.

Orlando

La buona notizia è che la maggior parte delle attrazioni principali sono situate lungo un tratto di dieci miglia, il che rende eccezionalmente facile trovare la strada da una all’altra. Il complesso Disney Resort è probabilmente il primo che vorrete visitare. Si tratta di un complesso immenso, di oltre cento chilometri quadrati, che contiene quattro grandi parchi a tema. Pertanto, è necessario concedersi molto tempo per l’esplorazione. Il secondo dei principali resort è l’Universal Studios, situato a soli cinque chilometri dal centro di Orlando. Questa particolare attrazione contiene due grandi parchi a tema, oltre a un assortimento di ristoranti e negozi. Oltre ai due che ho menzionato, dovreste visitare anche Sea World, Wet and Wild e alcune delle decine di altre attrazioni della zona. Queste sono solo le principali e più conosciute, ma alcune di quelle più piccole possono essere ancora più piacevoli perché le code non sono così lunghe.

Colorado

Situato a sud-ovest e dominato dalla catena delle Montagne Rocciose, il Colorado è una destinazione popolare tra gli amanti dello zaino in spalla, degli escursionisti e degli alpinisti che vengono a godersi i paesaggi mozzafiato lungo le migliaia di sentieri dello Stato. In inverno è meta di sciatori e snowboarder, che vi si recano ogni anno a migliaia. Oltre alle attività sportive, le altre principali attrazioni della zona includono Colorado Springs, che ospita la Professional Rodeo Hall of Fame, il Garden of the Gods e la US Air Force Academy. È anche una delle zone migliori del Paese per vivere l’esperienza del “selvaggio West”, essendo ancora la terra dei cowboy e degli indiani. Infine, Denver, la capitale del Colorado, situata ai piedi delle Montagne Rocciose, è una città fiorente che offre ai suoi ospiti una moltitudine di attrazioni sportive, di intrattenimento e culturali.

Las Vegas

Le attrazioni di Las Vegas parlano da sole. In una città specificamente dedicata all’intrattenimento, si sa già che ci sarà un bel soggiorno. All’arrivo, è impossibile non notare lo skyline della città, composto da enormi edifici adornati da luci al neon di ogni colore. Una volta atterrati, potrete visitare l’Egitto di Las Vegas con la Sfinge, New York con il Ponte di Brooklyn e la Statua della Libertà e Parigi con la Torre Eifel. È davvero necessario visitarla per capire quanto sia pazzesca. I casinò ospitano anche le principali attrazioni di Las Vegas, dalle montagne russe alle giostre simulate, ogni casinò è come un parco divertimenti a sé stante, anzi la città stessa assomiglia fortemente a un enorme parco divertimenti. L’unica cosa che dovete ricordare quando siete qui è che non è una città per conservatori. Dovete solo perdere, o dimenticare momentaneamente, le vostre inibizioni e godervi le esperienze che ha da offrire.

Chicago

Conosciuta come la Città del Vento, Chicago è generalmente considerata la terza metropoli degli Stati Uniti e ospita una serie di attrazioni per i suoi visitatori, oltre a ottime strutture ricettive come il Freehand Chicago. Grazie all’immigrazione di massa da tutto il mondo, in tutta la città ci sono diversi quartieri culturali distinti, ognuno dei quali è un’esperienza a sé stante. Potete visitare Greek town, Little Italy, Chinatown o Little Saigon e convincervi facilmente di essere stati trasportati in un’altra città grazie al mix di panorami, suoni e odori che incontrerete in ogni quartiere. Altre attrazioni di Chicago sono il ponte di osservazione della Sears Tower e il famoso tour di Lakeshore Drive. La città ospita inoltre oltre una dozzina di importanti musei, due zoo, un enorme acquario e un planetario. Inoltre, nessuna visita sarebbe completa senza aver provato uno degli sport locali. Si può scegliere tra il baseball, con i Chicago Cubs e i White Sox; il football americano, con i Chicago Bears; l’hockey, con i Chicago Blachawks; o la pallacanestro, con i Chicago Bulls, famosi in tutto il mondo. Se desiderate assistere a una di queste partite, sappiate che i biglietti sono difficili da ottenere, quindi è bene informarsi con largo anticipo.

Seattle

Situata nell’estremo angolo nord-occidentale degli Stati Uniti, Seattle è costruita su una serie di basse colline ed è quasi completamente circondata dall’acqua. L’attrazione turistica numero uno è il Seattle Centre, che occupa oltre settantaquattro ettari della città. La caratteristica più importante del centro di intrattenimento è il Seattle Space Needle, un’attrazione alta circa 150 metri dove è possibile salire su un ascensore e godere di una vista mozzafiato della città e dell’area circostante e dei ristoranti girevoli in cima. In centro si trovano anche il Pacific Science Centre, la sede della squadra di basket Seattle Supersonics e della squadra di hockey Thunderbirds, e l’Opera di Seattle. Altre attrazioni della città sono il Pike Place Market (quello dove i venditori lanciano il salmone avanti e indietro sopra le teste dei clienti), il Waterfront, dove è possibile prendere un traghetto e fare una crociera nei corsi d’acqua locali e Pioneer Square, dove si trovano ancora il famoso Totem di Seattle e la statua del capo Sealth.[/efstab]

[efstab title=”Intrattenimento”]Martedì Grasso, New Orleans

Il Mardi Gras di New Orleans è la più grande festa gratuita del pianeta e ogni anno attira milioni di festaioli da tutto il mondo con qualcosa da offrire a tutti. Tradizionalmente una festa religiosa, il Martedì Grasso è l’ultimo giorno in cui i cattolici mangiano carne prima dell’inizio della Quaresima; i festeggiamenti iniziano di solito già a gennaio e continuano fino a metà marzo. Le parate più grandi si svolgono di solito circa due settimane prima del giorno vero e proprio e sono composte da una ventina di carri allegorici, oltre che da bande musicali, ballerini e simili. I carri possono essere utilizzati una sola volta, quindi sono sempre particolarmente decorativi e colorati per garantire la varietà. Se decidete di partecipare, dovrete indossare qualche tipo di costume, ma è il modo più divertente di trascorrere il carnevale e lo rende ancora più memorabile.

Festa del porto di Boston

Con oltre due milioni di persone all’anno e più di duecento eventi, molti dei quali gratuiti, è un evento che vale la pena di seguire. Ogni giorno dell’Harbourfest si tengono concerti nella Boston City Hall Plaza, passeggiate guidate e visite agli edifici civici, possibilità di navigare sulle navi alte del porto e molto altro ancora. Se siete amanti della zuppa di vongole, dovete assolutamente visitare il Chowderfest, dove oltre quindicimila esperti vi delizieranno con i loro deliziosi intrugli. Si tratta di un evento orientato alle famiglie, un festival assolutamente piacevole in cui potrete divertirvi come meglio credete.

Festival Aloha, Hawaii

Questo festival è il più grande delle Hawaii e l’unica celebrazione a livello statale negli Stati Uniti. Originariamente conosciuto come Aloha Week, è una celebrazione culturale della musica, della danza e della storia dello Stato ed è stato progettato per contribuire a preservare le tradizioni hawaiane uniche. Gli organizzatori originari non sapevano che il festival sarebbe diventato una tradizione dell’isola. Oggi, in ognuna delle sei isole si svolgono oltre trecento eventi, tra cui parate, gare di hula e concerti sulla spiaggia. L’ambientazione non è seconda a nessuno e l’atmosfera è straordinaria. Quindi, se riuscite a inserirlo nel vostro viaggio, prendete la vostra collana floreale e la vostra hula e visitate questo straordinario evento.

Celebrazione del compleanno di Elvis Presley, Memphis, Tennessee

Sebbene il compleanno del Re cada in realtà l’8 gennaio, questo evento è diventato uno stravagante festival di tre giorni. L’evento principale si svolge al Chrome Grille di Graceland Plaza, con tanto di funzionari della città e della contea nel caso in cui si prendano due fette della torta di compleanno offerta. Segue il Gala di compleanno di Elvis Presley, che rende omaggio ai suoi primi compagni di band. Oltre ai festeggiamenti per il compleanno, tuttavia, è una buona scusa per visitare questa attrazione storica. Tour speciali attraverso la casa vi condurranno in un viaggio compiuto ogni giorno dal leggendario cantante. Sfortunatamente il tour termina nello stesso luogo in cui si trovava lui, la sua tomba. L’unico problema di un viaggio a Memphis è che si corre il rischio di diventare completamente Elvised out. Dopo aver visto la miriade di negozi di souvenir, musei e ristoranti tributo a Elvis, vi renderete conto di quanto fosse un idolo per alcune persone.

Village Parade, New York

Se siete alla ricerca di un buon spettacolo da baraccone, al Greenwich Village ne troverete uno. E se cercate il miglior spettacolo da baraccone, la notte di Halloween il Village è il posto dove dovete andare. È la festa in costume per eccellenza, in cui anche le persone normali si trasformano in fenomeni da baraccone per una sola notte. Con oltre venticinquemila partecipanti e un pubblico di oltre un milione e mezzo di persone, questa parata è la più entusiasta e folle collezione di creature in costume a cui si possa assistere. È anche l’unica notte dell’anno in cui le distinzioni tra le classi della città si dissolvono, poiché i reietti si mescolano con gli arrampicatori sociali, rendendo l’esperienza unica per tutti gli interessati.

Summerfest, Milwaukee

Un festival annuale di undici giorni che si svolge su novanta acri lungo le rive del lago Michigan, il Summerfest è una tappa obbligata se vi trovate nel raggio di duecento miglia da Milwaukee nel mese di luglio. L’evento è ricco di storia e tradizione musicale ed è nato negli anni Sessanta dopo che il sindaco della città aveva partecipato all’Oktoberfest di Monaco. Oltre a sognare l’idea del Summerfest, egli si impegnò molto gentilmente a mantenere i costi bassi in modo che tutti gli abitanti della città potessero permettersi di andarci, e questo incentivo permane tuttora. Il festival diventa sempre più bello. Nel 1999, il festival si è guadagnato il titolo di Guinness dei primati come il più grande festival musicale del mondo quando si sono esibiti Fleetwood Mac, Bob Dylan, Lauryn Hill, Shania Twain, Mary J. Blige, Aretha Franklin e James Taylor. Quindi, penso che sia abbastanza chiaro che questo è un festival serio, ma per assicurarvi di essere tra i milioni di persone che vi partecipano ogni anno, prenotate subito il vostro biglietto.

Giorni della Frontiera, Cheyenne

Il primo Frontier Day si tenne nel 1897 e sarebbe diventato la principale celebrazione del selvaggio West in America. Oggi, gli spettatori possono assistere a una moltitudine di eventi legati al rodeo che li lasceranno ipnotizzati nel vedere più cowboy, tori e manzi in un solo pomeriggio di quanti ne vedrebbero durante un intero festival in altre parti del Paese. Oltre alle esibizioni di rodeo, ci sono spettacolari esibizioni aeree, esempi autentici di arte e cultura dei nativi americani, dimostrazioni di pistoleri due volte al giorno, spettacoli notturni di country e western e grandi parate con una delle più grandi collezioni al mondo di veicoli trainati da cavalli. Se volete qualcosa di diverso, questo è sicuramente un festival a cui pensare.

Parata del Ringraziamento di Macy’s, New York

Se trascorrete il Giorno del Ringraziamento a New York, non potete permettervi di perdere questa parata e, se siete europei, ha un significato particolare. La parata si svolge da oltre settant’anni ed è nata quando molti dipendenti di Macy’s, immigrati di prima generazione dall’Europa, vollero celebrare la festa americana con il tipo di festa di cui avevano goduto in patria. Nei decenni trascorsi dalla prima parata, l’evento è cresciuto notevolmente e oggi attira ogni anno milioni di visitatori che celebrano una delle feste più importanti del Paese.

Eventi stregati, Salem

Conosciuta come la “città delle streghe”, Salem, nel Massachusetts, dedica la maggior parte del mese di ottobre alla celebrazione di Halloween. Balli in costume, case infestate, fiere psichiche, mostre di artigianato e tour dei quartieri storici della città sono solo alcuni dei tanti eventi che commemorano questa festa spettrale. Tra i punti salienti del festival vi sono il Fright Train dalla North Station di Boston a Salem la notte di Halloween, l’annuale parata Salem Haunted Happenings, il concerto Beatle Juice e la festa in costume più sfrenata di sempre al Common.

Spettacolo delle celebrità di Hollywood

Questi spettacoli, che si svolgono a Hollywood, Chicago e San Francisco un certo numero di volte all’anno, valgono sicuramente la pena di pagare un biglietto d’ingresso di 10 dollari se vi trovate nelle vicinanze. Oltre cento celebrità firmano autografi e offrono opportunità di foto. Inoltre, avrete la rara possibilità di acquistare oggetti da collezione e memorabilia di Hollywood. Le celebrità presenti all’evento vanno da Shirley Jones, vincitrice di un Oscar, all’attrice che ha interpretato Ginger ne L’isola di Gilligan, a Paul Linke di ChiPS. Cercate di individuare i vostri idoli d’infanzia e pagateli per un autografo. Ho dimenticato di dire che tutte le celebrità chiedono un compenso per la loro firma?

[efstab title=”Informazioni generali”]Valuta
La valuta utilizzata negli Stati Uniti è il dollaro USA (US$), diviso in 100 centesimi (¢). Le banconote sono disponibili in tagli da 1, 2, 5, 10, 20, 50 e 100 dollari. Esistono tagli più grandi, ma sono usati raramente. Le monete utilizzate sono 1¢ (penny), 5¢ (nickel), 10¢ (dime), ¢25 (quarter), ¢50 e $1, anche se le ultime due non si vedono regolarmente.

Il clima

A causa delle sue vaste dimensioni, gli Stati Uniti presentano notevoli differenze climatiche. In generale, la tarda primavera e l’inizio dell’autunno sono i due periodi dell’anno migliori per visitarli. Ciò è dovuto principalmente al fatto che la maggior parte dei nativi va in vacanza in estate e molti si concedono una pausa in patria. Quindi, oltre all’enorme afflusso di visitatori provenienti dall’esterno dell’America, alcune zone sono occupate dagli stessi americani. L’altro motivo per cui si prediligono la primavera e l’autunno è che le destinazioni generalmente calde tutto l’anno, come ad esempio gli Stati centrali, tendono a diventare insopportabilmente calde in estate. Allo stesso modo, nelle zone rinomate per essere particolarmente fredde, le temperature raramente superano lo zero durante i mesi invernali. Naturalmente, ci sono zone che sono perfette tutto l’anno dal punto di vista climatico. L’ideale sarebbe controllare ogni regione prima del viaggio per verificare quale sia il tipo di clima predominante e quale sia il periodo dell’anno migliore per visitarla.

Fuso orario

Gli Stati Uniti sono divisi in quattro fusi orari – Eastern Standard Time (EST), Central Standard Time (CST), Mountain Standard Time (MST) e Pacific Standard Time (PST) – ma anche l’Alaska e le Hawaii hanno i loro fusi orari. EST è cinque ore indietro rispetto all’ora di Greenwich, CST è sei ore indietro, MST è sette ore indietro, PST è otto ore indietro e Alaska e Hawaii sono rispettivamente nove e dieci ore indietro. L’ora legale, in cui l’orologio si sposta un’ora avanti rispetto all’ora solare, si applica dall’1.00 della prima domenica di aprile all’1.00 dell’ultima domenica di ottobre. Non si applica in Arizona, Hawaii, parti dell’Indiana e Porto Rico.

Orari di apertura

Gli orari di apertura di negozi, uffici e banche variano da città a città e da Stato a Stato. In generale, i negozi e i centri commerciali sono solitamente aperti dalle 10.00 alle 21.00 dal lunedì al sabato e la domenica dalle 12.00 alle 17.00. Gli uffici sono aperti dalle 9.00 alle 21.00. Gli uffici sono aperti dalle 9.00 alle 17.00 dal lunedì al venerdì. Infine, le banche sono normalmente aperte dalle 9.00 alle 15.00 nei giorni feriali e alcune sono aperte fino all’ora di pranzo il sabato.

Elettricità

Gli Stati Uniti utilizzano una corrente alternata da 110 a 120 volt, a 60 cicli. Se utilizzate un apparecchio europeo o australiano, avrete bisogno di un trasformatore da 110 volt e di un adattatore per la spina con due pin piatti e paralleli. Questi adattatori sono difficili da trovare negli Stati Uniti, quindi si consiglia di portarne uno con sé.

Tasse

Negli Stati Uniti non esiste l’IVA, ma ogni Stato, contea e città si riserva il diritto di applicare la propria imposta locale su tutti gli acquisti, compresi i conti di alberghi e ristoranti, i biglietti aerei, ecc. L’imposta sulle vendite varia dal quattro all’otto per cento e, per evitare di trovarsi in imbarazzo al momento di pagare il conto, è consigliabile verificare sempre che il prezzo indicato sia comprensivo dell’imposta.

Requisiti per il visto

Dall’agosto dello scorso anno, i visitatori degli Stati Uniti provenienti dalla maggior parte degli altri Paesi hanno bisogno di un visto di qualche tipo – timbro, adesivo o inserto – sul passaporto, che informi chi lo controlla su quale sia esattamente la vostra attività nel Paese. Per ottenere tale visto è necessario contattare l’ambasciata statunitense del proprio Paese. Se provenite da Australia, Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Islanda, Irlanda, Italia, Giappone, Lussemburgo, Paesi Bassi, Nuova Zelanda, Norvegia, Portogallo, San Marino, Singapore, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera, Regno Unito o Uruguay e soggiornate per meno di novanta giorni (dovrete essere in grado di dimostrarlo), potete rinunciare al visto statunitense grazie al Visa Waiver Pilot Program. Se il vostro soggiorno supera i novanta giorni, dovrete ottenere un visto che vi permetta di entrare nel Paese. I canadesi devono solo dimostrare di avere la cittadinanza per attraversare il confine.

Cambio valuta

Non è consigliabile portare negli Stati Uniti valuta straniera, poiché gli uffici di cambio sono estremamente rari e anche il cambio in banca è scomodo. Tuttavia, se avete bisogno di cambiare denaro straniero, il posto migliore per farlo è una qualsiasi filiale di cambio di Thomas Cook. Di solito si trovano nelle grandi città, ma una volta usciti è difficile trovarli nelle città più piccole. La situazione è analoga a quella dei traveller’s cheque. Sebbene siano ampiamente accettati, lo sono solo se sono denominati in dollari USA. I tre tipi di assegni più riconosciuti sono Visa, American Express e Thomas Cook. Sono anche i più facili da cambiare. La maggior parte degli esercizi commerciali accetta i traveller’s cheque, ma è meglio cambiarli in banca. Per farlo è necessario un documento d’identità.

Le altre alternative, molto più convenienti, sono le carte di credito (Visa, Mastercard o American Express) o la normale carta bancaria del vostro Paese. Nel caso di quest’ultima, tuttavia, è necessario verificare che sia membro della rete Cirrus o Plus e che lo sia anche il bancomat che si utilizza. Queste informazioni sono di solito indicate in modo chiaro sulla macchina e, se non le vedete, è probabile che non possiate usare la vostra carta. Sia per le carte di credito che per le normali carte bancarie, è necessario sapere che ogni volta che si preleva del contante si paga una commissione minima che può arrivare fino a 3 dollari.

Telefoni

I sistemi telefonici degli Stati Uniti sono suddivisi in codici di area a tre cifre per città e/o regione. In realtà, in alcuni casi ci sono anche divisioni all’interno della stessa città. Quando si chiama un prefisso diverso da quello da cui si chiama, è necessario comporre 1, seguito dal prefisso di zona a tre cifre e dal numero locale a sette cifre. Se ci si trova nello stesso prefisso, è sufficiente comporre il numero locale. Se si chiamano gli Stati Uniti dall’estero, occorre comporre 00, seguito da 1, dal prefisso e dal numero locale.

Quando si utilizzano i telefoni pubblici negli Stati Uniti, la carta telefonica è l’opzione più comoda ed economica. Cercate anche di procurarvi una carta che vi indichi le tariffe di chiamata e di connessione che pagate. Se utilizzate le monete, sappiate che per le chiamate interurbane e internazionali sarete sorpresi dalla rapidità con cui si consumano.

Per telefonare all’interno del Paese, le carte telefoniche prepagate sono ancora una volta il metodo migliore. Le tariffe telefoniche sono più alte tra le 7.00 e le 23.00. Per effettuare le chiamate più convenienti, è necessario aspettare il sabato o la domenica o la sera tardi, poiché questi orari offrono le tariffe migliori.

Mancia

Poiché l’imposta sul reddito del personale di servizio che riceve mance si basa sul denaro che avrebbe dovuto ricevere in mance, è possibile che debba pagare le tasse su una mancia che non ha mai ricevuto. Quindi, anche se non lasciate mai mance, dovreste sentirvi abbastanza in colpa per aver sottratto denaro dalle tasche degli altri, da farlo mentre siete negli Stati Uniti.

Come regola generale, la mancia a camerieri e cameriere dovrebbe essere compresa tra il quindici e il venti per cento del conto, quella ai baristi tra il dieci e il quindici per cento, quella a parrucchieri, barbieri e tassisti tra il quindici e il venti per cento. Per quanto riguarda i bagagli, dovreste lasciare una mancia di un dollaro per ogni bagaglio e di due o tre dollari se ne avete molti. Dovreste anche lasciare un dollaro al giorno in camera per il personale delle pulizie.

Giorni festivi

Prima di recarsi in un Paese, è bene informarsi sui giorni festivi, poiché la maggior parte delle aziende, delle banche e dei negozi di solito chiudono per quel giorno. Negli Stati Uniti si svolgono il 1° e il 15 gennaio, il 19 febbraio, il 28 maggio, il 4 luglio, il 3 settembre, l’8 ottobre, l’11 e il 29 novembre e il 25 dicembre. È bene controllare anche la zona in cui ci si trova, perché anche alcune città chiudono durante gli eventi speciali. [/efstab]

[efstab title=”Itinerari”]

3 giorni a New York USA

5 giorni a New York USA

[/efstab]
[/efstab]

Get the App. QRGet the App.
Get the App. QR  Get the App.
Scorri verso l'alto