La guida definitiva per viaggiare con lo zaino in spalla in Perù

Language Specific Image

Il Perù è una delle destinazioni sudamericane più popolari tra i viaggiatori zaino in spalla, e per una buona ragione. Sede di una delle meraviglie più intriganti del mondo, di montagne ad alta quota, di lussureggianti foreste pluviali, di scogliere costiere a strapiombo, dei migliori frutti di mare(ehm, ciao, hanno inventato il ceviche) e di una pletora di soffici lama con cui fare amicizia, il Perù è un sogno per i viaggi zaino in spalla. In questa guida al Perù per viaggiatori zaino in spalla, scoprirete tutto quello che c’è da sapere su questo incredibile Paese!

Vai direttamente a:

  1. Il periodo migliore per visitare il Perù
  2. Visto Perù
  3. Perù: budget per il viaggio con lo zaino in spalla
  4. Trasporti in Perù
  5. Ostelli in Perù
  6. Cose da fare in Perù
  7. Punti di interesse in Perù
  8. Itinerari del Perù con lo zaino in spalla
  9. Cibo peruviano
  10. Cultura e costumi del Perù
  11. Il Perù è sicuro?
  12. Consigli di viaggio sul Perù
  13. Lista delle valigie per il Perù

Backpacking Peru - Peruvian traditions

Il periodo migliore per visitare il Perù

Il Perù si trova appena a sud dell’equatore, quindi le stagioni sono opposte a quelle dell’emisfero settentrionale. Tuttavia, data la vicinanza all’equatore, il clima del Perù non è estremo a livello stagionale.

L’inverno peruviano va da maggio a settembre. È anche la stagione secca, il che lo rende il periodo migliore per visitare il Perù, soprattutto se avete intenzione di fare trekking o di visitare Cusco – cosa che ovviamente farete! L’estate peruviana va da dicembre a marzo ed è generalmente molto più umida, quindi portate con voi l’abbigliamento da pioggia.

Oltre a confondere le stagioni, ogni zona del Perù conosce anche un clima molto diverso. Lima, la capitale costiera, è nebbiosa durante l’inverno peruviano (da maggio a settembre) e sembra un po’ San Francisco. La nebbia e la pioggerellina lasciano il posto a un sole splendente e al calore tra novembre e marzo, proprio quando la pioggia si abbatte sulle montagne andine e sulla giungla amazzonica a est.

Durante la nostra visita in ottobre (quando “tutto è possibile” dal punto di vista meteorologico) Lima era nebbiosa e fresca, Cusco era secca e gelida e nessuno sapeva se aspettarsi la pioggia durante la nostra escursione sul Sentiero Inca. Fortunatamente avevamo portato con noi tutta l’attrezzatura per la pioggia, ma nonostante i piumini stavamo congelando e abbiamo finito per acquistare diversi maglioni caldi di alpaca nei mercati artigianali locali. Non eravamo gli unici: i maglioni di alpaca sono l’uniforme non ufficiale dei backpacker in Perù!

Per non sbagliare, portate con voi l’attrezzatura per la pioggia e i vestiti per il freddo e aspettatevi l’imprevisto.

Backpacking Peru - house in the mountains

📷 @dd.per

Visto Perù

Con poche eccezioni, i residenti della maggior parte dei Paesi saranno entusiasti di non dover richiedere in anticipo un visto per il Perù, compresi i cittadini del Regno Unito e degli Stati Uniti.

Al momento dell’ingresso in Perù, vi verrà chiesto quanto tempo resterete. È possibile soggiornare fino a 183 giorni con un visto turistico. Vi verrà poi consegnata una carta di migrazione andina che dovrete esibire all’uscita dal Paese: mettetela nel passaporto per sicurezza.

Sebbene il visto gratuito di 6 mesi sembri una benedizione per i nomadi, fate attenzione: se dichiarate di voler rimanere per il periodo massimo “per sicurezza” quando in realtà avete programmato un soggiorno di soli 2 mesi, sarete soggetti al pagamento di un’aliquota fiscale più alta. Tutti gli stranieri che soggiornano in Perù per più di 59 giorni sono soggetti a una tassa del 18%, che verrà aggiunta al conto nella maggior parte degli hotel e degli ostelli. Se soggiornate per meno di 59 giorni e quindi non siete soggetti alla tassa, dovrete presentare la carta di migrazione andina e il passaporto come prova del numero di giorni per cui è stato approvato il vostro visto. Se avete un budget limitato, tenete d’occhio il conto per evitare di pagare troppo.

Detto questo, se c’è davvero la possibilità di prolungare il vostro soggiorno in Perù, dovreste richiedere la durata massima all’arrivo, poiché non è possibile richiedere un’estensione del visto dopo l’ingresso. In questo caso, la tassa del 18% è qualcosa con cui dovrete convivere.

Tour di gruppo in Perù

Volete vivere il meglio del Perù, senza dover fare una pianificazione stressante? I tour di gruppo di Roamies offrono una serie di incredibili avventure peruviane che vi porteranno dal giro in dune buggies in un’oasi del deserto all’escursione al famoso Machu Pichu. Tutto ciò che dovete fare è sedervi e godervi il viaggio.

Perù budget zaino in spalla

La moneta peruviana si chiama “nuevo sol” (sol in breve). Un sol vale quasi esattamente 0,30 dollari, o 0,24 sterline, il che rende la conversione molto semplice: basta dividere il prezzo in sol per 3 per convertire approssimativamente in USD, o per 4 per GBP.

Un’avvertenza gigantesca, lampeggiante e importante per quanto riguarda il soles peruviano: attenzione alle banconote false! È un problema molto sentito in Perù e i falsi possono essere incredibilmente convincenti. Imparate a riconoscere i contanti falsi in Perù, perché nessun esercizio commerciale accetterà una banconota contraffatta, rendendo completamente inutili i soldi che avete in tasca. Allo stesso modo, non accettate mai una banconota strappata da nessuno in Perù, perché le banconote strappate sono un indicatore di denaro falso. Anche se le banconote sono vere, nessuna azienda o banca accetterà un sol strappato.

Quando si tratta di calcolare il budget per il vostro viaggio zaino in spalla in Perù, tenete presente che, sebbene il Perù sia generalmente un Paese economico, alcune destinazioni ed esperienze faranno lievitare di molto il vostro budget. Mi riferisco ovviamente a Machu Picchu. Il trekking a Machu Picchu costa circa 700 dollari per il classico Cammino Inca o un po’ meno per un altro trekking di più giorni, ma questo non include l’arrivo a Cusco.

Saltando il trekking e prendendo il treno, potreste risparmiare diverse centinaia di dollari. Se escludete completamente Machu Picchu, risparmierete un bel po’, ma siamo onesti: perché visitare il Perù senza vedere Machu Picchu? Non fatelo. Se siete fisicamente in grado di portarlo a termine, il trekking è un’esperienza gratificante che capita una volta nella vita e che giustifica la spesa. Ingoiate la frugalità da backpacker e accettate che Machu Picchu è un costo costoso ma giustificabile quando visitate il Perù.

In linea di massima, dovrete mettere in conto circa 35 dollari al giorno a persona, compreso Machu Picchu. Il cibo si trova facilmente a circa 5 dollari a pasto e gli ostelli non superano i 10 dollari per un letto in un dormitorio. Le spese maggiori saranno le esperienze e i trasporti. Se siete colpevoli di essere dei pessimi risparmiatori, leggete la nostra guida su come risparmiare per prenotare il viaggio al più presto!

Backpacking Peru - village street

Cusco 📷@sunsetchaser_mum

Trasporto in Perù

IlPerù Rail è un servizio ferroviario di lusso, confortevole e straordinario che probabilmente prenderete solo una volta: è il modo principale per raggiungere Machu Picchu se non fate trekking, e pagherete circa 50 dollari. Ci sono altri itinerari che sembrano meravigliosi, ma francamente non sono accessibili con un budget tipico da backpacking.

Per fortuna, è possibile prendere autobus in tutto il Perù e in genere sono di buon livello. È possibile prenotarli online con compagnie come Cruz del Sur. La maggior parte dei sedili è ampia e confortevole, con cuscini, coperte e poggiapiedi in dotazione.

La maggior parte degli autobus in Perù sono autobus notturni. È probabile che si guidi nel buio più completo attraverso strade di montagna ventose e ad alta velocità: una ricetta per la nausea e una notte di sonno terribile! Ma fa parte del divertimento. Consiglio vivamente di portare con sé sonniferi, farmaci anti-nausea, una mascherina per dormire, auricolari e diversi strati di vestiti caldi per rendere la vostra esperienza in autobus il più confortevole possibile.

Esiste un servizio privato di autobus hop-on-hop-off che offre autobus guidati in tutto il Perù. Noi non li abbiamo presi perché il costo è circa il doppio rispetto all’acquisto di biglietti singoli, ma il servizio è stato altamente raccomandato dai nostri compagni di viaggio. Se privilegiate la comodità rispetto al costo, potrebbe essere una buona opzione. Chiedete al vostro ostello di indicarvi la direzione giusta se è una cosa che vi interessa.

Come arrivare da Lima a Machu Picchu

Lima e Machu Picchu si trovano ai lati opposti del Paese e sono separati da una gigantesca catena montuosa. Ma siete arrivati fin qui e, accidenti, dovete vedere Machu Picchu prima di lasciare il Perù!

Se avete problemi di tempo, dovrete volare da Lima a Cusco, con un costo di circa 100 dollari a tratta. Prendere un autobus notturno vi farà risparmiare un po’ di soldi (forse circa 30 dollari), ma dopo averlo fatto due volte non sappiamo se il risparmio vale le 20 lunghe ore di nausea! Se optate per l’autobus, spezzate il viaggio con qualche sosta lungo la strada, come Arequipa, Nazca o Ica.

Ostelli in Perù

Come ogni destinazione per backpacker che si rispetti, il Perù offre molti ostelli fantastici. Dagli ostelli per le feste a Lima, agli alloggi rilassati a Cusco e alle strutture sulla spiaggia a Paracas, non potrebbe essere più facile trovare posti fantastici dove alloggiare quando si è in Perù. Ecco alcuni dei nostri preferiti:

  • Frog’s Chillhouse – Huanchaco: Un ostello per surfisti con vibrazioni chill e viste incredibili sull’oceano.
  • Kokopelli Hostel – Paracas: ostello sulla spiaggia con piscina e letti a baccello super accoglienti.
  • Arequipay Backpackers – Arequipa: confortevole e tranquillo. Non ci sono feste qui, ma solo una grande atmosfera sociale e un cane adorabile. Si chiama Kaila ed è un boxer.
  • Ostello Supertramp – Aguas Calientes: Uno degli unici posti in cui soggiornare ad Aguas Calientes, alle porte di Machu Picchu, che non sia un hotel di lusso! Servono la loro colazione gratuita abbastanza presto per accogliere chi prende il primo autobus per Machu Picchu, cosa che consigliamo.

Backpacking Peru - Kokopelli Hostel, Paracas

📷 O stello Kokopelli, Paracas

Cose da fare in Perù

Ecco le migliori cose da fare e le attrazioni da non perdere in Perù!

  • Escursioni e trekking: Il Perù è rinomato per alcune delle escursioni più belle del mondo. Naturalmente il Cammino Inca è il più famoso, ma ci sono molti itinerari fantastici che attraversano la Valle Sacra, come il Salkantay Trek o il Lares Trek. Vi consigliamo di prenotare Alpaca Expeditions come guida per entrambi. Altre avventure di più giorni molto popolari sono il trekking del Colca Canyon vicino ad Arequipa e il trekking di Santa Cruz a nord di Huaraz. Non siete ancora pronti per un’escursione di più giorni? La Montagna Arcobaleno e la Laguna 69 sono due delle escursioni di un giorno più popolari in Perù! Per completare una di queste escursioni è necessaria una guida: non è consigliabile fare escursioni indipendenti in Perù.

Backpacking Peru - hiking

📷@caitlyn.mk

  • Assaggiate il pisco: Il pisco è la bevanda nazionale del Perù, quindi dovete assolutamente assaggiare un Pisco Sour durante il vostro viaggio: sono deliziosi. Potete anche visitare le cantine di pisco (sì, il pisco è fatto con l’uva) e assaggiare il pisco direttamente dalla botte a Pisco o a Ica.
  • Esplorare le antiche rovine: La storia e la cultura del Perù sono leggendarie e non si può fare a meno di sentire la forza degli antichi Inca quando si esplorano le loro rovine ben conservate. Machu Picchu è senza dubbio il più bello e famoso dei siti antichi del Perù, ma non è certo l’unico che vale la pena esplorare! Date un’occhiata a Chan Chan vicino a Huanchaco, a Pisac vicino a Cusco o alle rovine di Ollantaytambo, che furono l’ultima roccaforte Inca contro i conquistadores spagnoli. O ancora, escursioni a Choquequirao, che assomiglia a Machu Picchu ma senza la folla (o il biglietto d’ingresso).

Punti di interesse del Perù

Il Perù ha così tanti punti di interesse che può essere difficile restringere il proprio itinerario! Abbiamo trascorso ben due mesi zaino in spalla e non siamo riusciti a vedere tutto. Ecco alcuni dei migliori punti di interesse e destinazioni peruviane da includere nel vostro tour del Perù con lo zaino in spalla.

Lima

La città più grande del Perù e il miglior punto di partenza per i vostri viaggi. No, letteralmente: la città costiera di Lima è il luogo perfetto per provare il parapendio! Vedrete i parapendii sorvolare il quartiere di Miraflores e il Parque del Amor.

Lima si esplora meglio a piedi… e con il cibo. Trascorrete una giornata esplorando Lima con un tour a piedi autoguidato e mangiando nei suoi famosi ristoranti, come Central, Maido, Astrid y Gaston e El Pan de Chola. Lima è anche nota per le sue incredibili specialità di caffè.

Non dimenticate di fare un salto al Parco Kennedy, pieno di gatti amichevoli!

Confronta gli ostelli a Lima

Cusco e Machu Picchu

Avrete bisogno di un po’ di tempo per acclimatarvi all’altitudine di Cusco, soprattutto se intendete percorrere il Sentiero Inca. Dedicate almeno una giornata a esplorare la città e a curiosare nei mercati artigianali. Se avete voglia di fare un’escursione di un giorno, la Montagna Arcobaleno è uno dei punti di interesse più famosi del Perù. E naturalmente, nessun viaggio a Cusco – o in Perù, se è per questo – è completo senza una visita all’incredibile Machu Picchu!

Backpacking Peru - Machu Picchu

📷 @to.wander.and.ponder

Confronta gli ostelli a Cusco

Huanchaco

A diverse ore a nord di Lima, sulla costa del Perù, si trova Huanchaco, una piccola città di pescatori e surfisti. È conosciuta soprattutto per le sue iconiche barche “caballito de totora”, che i pescatori intrecciano con le canne da oltre 3.000 anni. Sono considerate una delle prime imbarcazioni da surf al mondo. Oltre al fantastico surf, Huanchaco ospita anche il miglior ceviche del Perù (almeno secondo me) e le antiche rovine di Chan Chan. Huanchaco non si trova sulle tipiche rotte dei gringo, ma ospita uno dei miei ostelli preferiti in Perù(il Frog’s Chillhouse) e merita un viaggio per una fuga rilassante all’insegna del surf.

Confronta gli ostelli a Huanchaco

Laguna 69, Huaraz

Huaraz è una città d’alta quota incastonata nella Cordigliera Blanca, le cui cime innevate si ergono sopra la città a est. Huaraz è nota soprattutto per l’arrampicata su ghiaccio, il trekking, la mountain bike e gli sport invernali come lo snowboard. È anche sede del Parco Nazionale di Huascarán, patrimonio mondiale dell’UNESCO, che racchiude le montagne tropicali più alte del mondo. Non lasciatevi scoraggiare dal mondo tropicale: in cima a queste vette c’è tanta neve.

Huaraz attira gli appassionati di outdoor che vogliono conquistare i suoi incredibili trekking, come il trekking di più giorni di Santa Cruz o il Circuito di Huayhuash, un’epica avventura escursionistica di 11 giorni. Se optate per queste escursioni, dovrete portare in valigia molta attrezzatura da trekking e fare qualche ricerca per trovare un operatore turistico affidabile per il Perù.

Se non ve la sentite di affrontare un trekking di più giorni ad alta quota, provate invece l’escursione Laguna 69. Si tratta di un’escursione guidata di un giorno. Si tratta di un’escursione guidata di un giorno a uno splendido lago glaciale, situato a 15.000 piedi di altitudine e circondato da ghiacciai e cascate ghiacciate. Si tratta di un sito incredibile da ammirare e accessibile alla maggior parte degli escursionisti – assicuratevi solo di trascorrere un paio di giorni per acclimatarvi all’altitudine a Huaraz prima di tentare l’escursione!

backpacking Peru - glacial lake

📷 @karen.miles.161

Confronta gli ostelli a Huaraz

Canyon del Colca, Arequipa

Se scegliete di prendere l’autobus tra Lima e Cusco, è probabile che vogliate fermarvi ad Arequipa per spezzare il viaggio. La città è bellissima e il suo centro storico coloniale è patrimonio dell’UNESCO. Ma il suo punto di interesse più famoso è il vicino Canyon del Colca: il canyon più profondo del mondo e uno degli unici luoghi al mondo in cui è possibile vedere i condor giganti, i più grandi uccelli terrestri volanti dell’emisfero occidentale.

Si può scegliere di esplorare il Colca Canyon a piedi con un trekking di 4 giorni, oppure di alzarsi presto per fare una gita di un giorno, fermandosi lungo il percorso nei villaggi per conoscere la cultura peruviana. Assicuratevi di portare un binocolo per osservare i condor in tutto il loro splendore.

Oasi del deserto di Huacachina

Una delle escursioni di un giorno più emozionanti in Perù è l’esplorazione delle enormi dune che circondano Huacachina, una piccola oasi nel deserto e uno dei luoghi più belli del Perù. Il giro in dune buggy è metà del divertimento, ma il sandboarding è epico. Non per i deboli di cuore! Huacachina si trova anche vicino a Ica, patria del pisco e delle chocotejas.

Backpacking Peru - car in the desert

Isole Ballestas, Paracas

Sulla costa a poche ore a sud di Lima si trova una piccola catena di isole con un’abbondanza di fauna selvatica: l’uccello guanay guano, il booby dai piedi blu, i pinguini di Humboldt, le foche, i leoni marini e altro ancora. Se non siete mai stati alle Galapagos, le Isole Ballestas sono uno dei pochi posti al mondo che reggono il confronto. Soggiornate all’ostello Kokopelli nella città costiera e balneare di Paracas (l’ostello si trova proprio sulla spiaggia) e fate un’escursione di un giorno per visitare l’isola.

Paracas è anche un buon punto di partenza per esplorare la regione di Ica (compresa Huacachina) a solo un’ora di distanza. È anche vicina alle misteriose Linee di Nazca, a sole 3 ore di distanza.

Lago Titicaca, Puno

Puno è una piccola città situata sulle rive del Lago Titicaca, un lago di alta quota al confine tra Perù e Bolivia. Si dice che sia la “Capital folklórica del Perú” (capitale folcloristica del Perú) ed è un luogo fantastico per esplorare l’arte, la cultura e la danza tradizionali. Visitando Puno avrete la possibilità di vedere uno dei luoghi più unici al mondo: una città galleggiante fatta di canne, abitata dal popolo Aymara che vive qui da secoli.

Backpacking Peru - Lake Titicaca

A proposito, assicuratevi di avere il tempo di adattarvi all’altitudine: con i suoi 12.500 piedi di altezza, Puno è persino più alta di Cusco!

Confronta gli ostelli a Puno

La foresta amazzonica

In Perù ci sono due punti di accesso alla Foresta Amazzonica: Iquitos e Puerto Maldonado. Iquitos è la città più grande dell’Amazzonia ed è raggiungibile solo in aereo o in barca, mentre Puerto Maldonado è raggiungibile su strada. Tuttavia, Iquitos ha molto più da offrire ai viaggiatori rispetto a Puerto Maldonado, che di solito viene utilizzata solo come punto di partenza per esplorare l’Amazzonia. Da Iquitos, oltre a soggiornare in lodge all’interno della foresta, è possibile effettuare crociere sul Rio delle Amazzoni. Quindi, anche se Iquitos è meno accessibile, è una destinazione migliore per i viaggiatori zaino in spalla che vogliono esplorare l’Amazzonia.

Assicuratevi solo che, indipendentemente dal modo in cui scegliete di esplorare l’Amazzonia, abbiate cura di prenotare con una compagnia turistica che pratichi l’ecoturismo e sia rispettosa degli animali selvatici. Ricordate che non dovete MAI toccare, dare da mangiare o interagire con gli animali selvatici, quindi fuggite da chiunque vi prometta una foto con un animale in braccio! Questo tipo di pratica è incredibilmente dannosa per gli animali e sta diventando fin troppo comune in Perù.

📷 @travelingwithkati

Confronta gli ostelli a Iquitos

Itinerari peruviani con lo zaino in spalla

La maggior parte degli itinerari peruviani con lo zaino in spalla si snoda da Lima verso sud, aggirando le montagne e risalendo a nord verso la Valle Sacra. Le tappe tipiche sono Huacachina, Arequipa, Paracas, Puno e Cusco. Itinerari più insoliti si avventurano a nord di Lima per esplorare Huanchaco o Huaraz, oppure si dirigono a est per esplorare la foresta amazzonica. Qualunque sia l’itinerario, è probabile che il punto di partenza sia Lima.

Itinerario zaino in spalla Perù 2 settimane

2 settimane sono un buon periodo di tempo per vivere i punti salienti del Perù, consentendo un’escursione di 4 giorni sul Sentiero Inca e un paio di giorni per acclimatarsi. Ecco un itinerario di 2 settimane in Perù che include l’escursione a Machu Picchu. Prenderete degli autobus tra una destinazione e l’altra e tornerete in aereo da Cusco a Lima dopo l’escursione.

  • 2 giorni a Lima
  • 2 giorni a Paracas, con escursioni di un giorno a Huacachina, Nazca o Pisco
  • 2 giorni a Puno e al Lago Titicaca
  • 2 giorni a Cusco
  • 4 giorni di trekking a Machu Picchu
  • Rientro a Lima per l’ultimo giorno

Backpacking Peru - Peru backpacking route

Itinerario zaino in spalla Perù 4 settimane

In 4 settimane, potrete andare sotto la superficie e conoscere meglio il vero Perù, oltre ad avere tutto il tempo per conquistare i migliori trekking del Perù!

  • 4 giorni a Lima
  • 4 giorni di trekking a Huaraz
  • 4-5 giorni a Iquitos e alla scoperta dell’Amazzonia
  • 2 giorni a Cusco
  • 4 giorni di trekking a Machu Pichu
  • 2-3 giorni a Puno e al Lago Titicaca
  • 2 giorni ad Arrequipa
  • 1 giorno di sosta a Nazca
  • 3 giorni a Paracas e Huachina

Backpacking Peru - Backpacking itinerary 4 weeks

Naturalmente, se non siete dei pianificatori nati, i tour in Sud America come Roamies sono perfetti per esplorare il Perù con tutta la pianificazione fatta per voi. Potrete soggiornare nei migliori ostelli del Perù, incontrare persone straordinarie e vedere tutto ciò che il Perù ha da offrire… Il tutto in un bellissimo pacchetto turistico con zaino in spalla.

Cibo peruviano

La cucina peruviana è unica ed eccellente. Il cibo migliore del Perù si trova a Lima, dove potete concedervi un pasto in alcuni dei migliori ristoranti del mondo o gustare alcuni dei frutti di mare più freschi che possiate mai assaggiare. Se non avete mai provato il polpo, questo è il posto migliore per farlo: andate al Surquillo Mercado #1 di Lima e cercate Don Cevichero. Ordinate il “pulpo parrillero”. Potrete ringraziarci in seguito.

Backpacking Peru - Peruvian Food

📷 @tkoutandabout

Il miglior cibo del Perù è il ceviche. È stato inventato in Perù e non l’abbiamo mai mangiato in nessun altro posto al mondo che possa reggere il confronto! Il ceviche consiste in pesce in una salsa acida nota come latte di tigre. È salato, croccante, fresco, saporito e assolutamente incredibile. Il miglior ceviche che abbiamo mangiato è stato quello di Huanchaco, una città di surfisti a nord di Lima.

Il cibo cinese è molto diffuso in Perù. Si chiama “chifa” e non è esattamente quello a cui siamo abituati come americani; è piuttosto una miscela unica di cucina peruviana e cinese. Se avete voglia di riso fritto e di soffritto, questo è il piatto che fa per voi. Uno dei piatti più famosi che cattura perfettamente la fusione tra Perù e cucina asiatica è il “lomo saltado”, un soffritto di manzo con una salsa ricca e saporita. I peruviani lo mangiano per tutti e tre i pasti e anche noi siamo stati tentati di farlo.

I chicharrones sono ovunque in ogni menu e sono così buoni – e no, non sono quelle cotenne di maiale che si trovano in un sacchetto! Sono pepite fritte di carne deliziosa. Abbiamo provato i chicharrones di pollo, di pesce e di maiale, ed erano tutti molto gustosi.

il “Cuy” è una prelibatezza nazionale del Perù. È il maiale d’India. E sì, sembra che qualcuno abbia appena fritto il vostro animale domestico d’infanzia. Li vedrete in tutto il Perù, appesi nei mercados e nei menu dei ristoranti di lusso. Non siamo riusciti a provarlo, ma abbiamo sentito dire che è un po’ come mangiare un pollo fritto molto piccolo e unto con molte ossa. Gnam..

La Chicha è una bevanda a base di mais fermentato che viene servita con la maggior parte dei pranzi fissi. So che sembra disgustoso, ma non lo è! È dolce, un po’ sdolcinata e deliziosa sia calda che fredda. È disponibile nelle varietà viola e gialla (da mais viola e giallo) ed è inclusa nell’almuerzo in molti ristoranti tipici peruviani.

Le chocotejas, o tejas, sono deliziosi dolcetti al cioccolato. Vengono prodotte solo nei pressi di Ica e Huacachina, quindi le vedrete vendute ovunque in quella regione. Sono composte da un delizioso manjar blanco – una versione del dulce de leche simile al caramello – noci pecan e cioccolato. Abbiamo visto anche versioni con uvetta, uvetta imbevuta di pisco, fichi, lime e altro ancora. Sono incredibilmente buoni; non perdeteli se vi recate a Ica o Huacachina!

Backpacking Peru - Peruvian herbs and spices

📷 @saramazanloo

Cultura e costumi del Perù

La cultura peruviana è una miscela ricca e affascinante di molte influenze e gruppi di persone diverse. Molto prima che i conquistadores spagnoli invadessero il Perù, regnava il potente impero Inca, il più grande delle Americhe precolombiane. Essi conquistarono e inglobarono vaste aree del Paese.

Ancora oggi, sono molti gli indigeni e i nativi peruviani. 4.5 milioni di peruviani si identificano come quechua e parlano quechua in aggiunta o al posto dello spagnolo. Gli Aymara si trovano sul lago Titicaca, a Puno. Sì, sul lago: vivono lì da innumerevoli secoli su isole galleggianti fatte di canne, uno stile di vita così unico e inaccessibile che nemmeno gli Inca li hanno attaccati.

Ogni parte del Perù ha i propri costumi e le proprie tradizioni che vengono praticati ancora oggi. Vedrete i peruviani in diversi stili di abiti tradizionali. Imparerete a conoscere la Pachamama – la Madre Terra, la dea della fertilità – durante un viaggio nella Valle Sacra. Potrete anche partecipare a un viaggio spirituale con l’ayahuasca vicino a Cusco, che prevede sciamani, allucinazioni e un liquido misterioso.

Il popolo e la cultura peruviani sono stati influenzati nel corso degli anni da influenze esterne. I Conquistadores spagnoli hanno portato cambiamenti devastanti in gran parte del Sud America, seguiti rapidamente da operai e opportunisti cinesi e da barche di africani schiavizzati. L’influenza cinese si nota nella “chifa”, il cibo fusion peruviano-cinese. L’influenza africana e asiatica si ritrova anche nel criollo, una parola che significa “creolo” e che si riferisce ai discendenti degli spagnoli e che descrive qualsiasi cosa, dalla musica alla danza al cibo.

Oggi, il mix di culture è affascinante e a volte un po’ confuso. Il Perù è un Paese latino, quindi principalmente di lingua spagnola e al 90% cattolico. È un Paese post-coloniale, quindi si può notare una miscela di edifici europei con le influenze cinesi e africane che sono arrivate in seguito. Ma prima che il Perù fosse colonizzato dalla Spagna, era un potente centro della civiltà Inca. È sede di un ricco patrimonio indigeno, in gran parte ancora intatto.

È questo incredibile mix di culture, patrimonio e persone che rende il Perù uno dei luoghi più affascinanti e gratificanti del Sud America.

Backpacking Peru - Peruvian llama

📷 @hanntin

Il Perù è sicuro?

Il Perù è una delle destinazioni sudamericane più popolari, ma questo non significa che non si debba viaggiare con cautela. La guerra di guerriglia in Perù è terminata meno di 20 anni fa, lasciando alcune aree del Paese in condizioni di povertà e con un crescente commercio di droga e denaro falso. Inoltre, il Paese è attualmente teatro di proteste contro un governo ampiamente considerato corrotto. Non c’è dubbio che il Perù sia un luogo ideale da esplorare per i viaggiatori zaino in spalla, ma quando si tratta di sicurezza è importante essere consapevoli.

A causa della delicata situazione politica e della dura povertà, essere un turista può far sentire un po’ esposti. Detto questo, ogni volta che eravamo in compagnia di altri backpacker nei luoghi di viaggio più popolari, ci siamo sentiti perfettamente a nostro agio. Passare da un ostello all’altro vi garantirà di rimanere su un sentiero ben battuto. Fate qualche ricerca prima di prenotare tour o esperienze se non vi rivolgete a un ostello, per essere sicuri di non essere truffati.

Quando viaggiate in Perù,prendete delle precauzioni per proteggere voi stessi e le vostre cose: tenete gli oggetti di valore nascosti nella vostra persona (meglio ancora se li lasciate a casa), chiudete le vostre borse e tenetele sempre d’occhio, evitate di andare in giro da soli a tarda notte. Non andate alla ricerca di droga o di altre attività illegali: è incredibilmente pericoloso e in generale è una pessima idea. Non tentate di fare escursioni o altre attività avventurose senza un tour operator affidabile.

Se avete intenzione di viaggiare da soli in Perù, vi consiglio di seguire i percorsi standard per i backpacker. Se alloggiate in ostelli con molti altri backpacker, cercate un compagno con cui prendere un autobus notturno, esplorare dopo il tramonto o consigliate un tour operator.

Consigli di viaggio sul Perù

Prima di partire per il Perù con lo zaino in spalla, dovrete sottoporvi alle vaccinazioni contro l’epatite A e il tifo e forse anche a un richiamo MMR, tutti disponibili gratuitamente sul NHS nel Regno Unito. La maggior parte dei viaggiatori non dovrà preoccuparsi della febbre gialla e nemmeno della malaria, a meno che non si visiti l’Amazzonia. È sempre consigliabile controllare i requisiti per il proprio viaggio prima di recarsi qui e prenotare un appuntamento con il proprio medico di famiglia con largo anticipo per discutere della salute in viaggio.

Se avete intenzione di visitare l’Amazzonia, dovrete prepararvi alla malaria. Discutete con il vostro medico delle compresse antimalariche, mettete in valigia molti abiti lunghi per coprire braccia e gambe e portate con voi molti repellenti per insetti di qualità con un’alta percentuale di DEET.

In Perù c’è un alto rischio di virus Zika. Attualmente non esiste una vaccinazione contro il virus Zika, tuttavia la malattia in sé è lieve e tende a destare preoccupazione solo quando le donne incinte sono a rischio. Le donne che saranno incinte al momento del viaggio in Perù dovrebbero chiedere consiglio al proprio medico di famiglia con largo anticipo.

L’altitudine è probabilmente la sfida più grande che dovrete affrontare durante il viaggio in Perù, quindi prima del viaggio assicuratevi di fare scorta di farmaci per il mal di montagna. Se soffrite di cinetosi, portate con voi anche i farmaci per ogni viaggio in autobus o in taxi.

Una volta arrivati in Perù, la migliore soluzione locale per il mal di montagna o la nausea è il tè di coca. Il tè non è particolarmente gustoso, ma è incredibilmente calmante. Si ricava dalla stessa pianta della cocaina, ma non dà alcun tipo di “sballo”, aiuta solo a calmare lo stomaco. Si dice però che possa risultare in un test antidroga, quindi evitatelo se questo è un problema!

Backpacking Peru - staying in a hostel

📷 @thewanderingcass

Lista di spedizione per il Perù

Ci sono alcuni elementi essenziali che dovreste includere per il vostro viaggio in Perù con lo zaino in spalla.

Innanzitutto, è bene portare con sé un dispositivo per filtrare l’acqua. Vi consiglio di farlo invece di acquistare acqua in bottiglia più volte al giorno, perché il riciclaggio non è comune in Perù, ma i cumuli di rifiuti purtroppo sì. Risparmiate alla Terra inutili rifiuti di plastica! Filtrare la propria acqua è una soluzione molto più ecologica, e ci sono molti dispositivi sul mercato a un prezzo decente. Inoltre, risparmierete moltissimo sull’acquisto di acqua ogni giorno!

Se avete intenzione di intraprendere uno dei tanti incredibili trekking del Perù, assicuratevi di portare con voi l’attrezzatura da trekking. Portate con voi anche uno zaino per l’idratazione: avrete bisogno di più acqua del solito se camminate ad alta quota. Un paio di bastoncini da trekking vi saranno utili. Molte delle escursioni in Perù prevedono terreni difficili, come lo scisto scivoloso della Laguna 69 o le imponenti scale del Sentiero Inca. I bastoncini da trekking vi aiuteranno a proteggere le ginocchia, oltre ad aiutarvi a rimanere in piedi durante le vostre escursioni!

Un altro elemento indispensabile da portare in valigia è una giacca calda. A Cusco e in altre città d’alta quota fa freddo! Portate con voi un piumino impacchettabile per ridurre al minimo lo spazio nello zaino e massimizzare il calore e il comfort. Non dimenticate di lasciare un po’ di spazio nella borsa anche per un accogliente maglione di alpaca. Non vorrete tornare a casa senza!

Informazioni sull’autore

Lia è blogger di viaggi presso Practical Wanderlust, un blog di viaggi di coppia fuori dagli schemi che è stato pubblicato su Travel & Leisure, Forbes, Washington Post e altre importanti pubblicazioni. Quando non viaggia, vive a Oakland, in California, con il marito Jeremy. Seguite i loro disastri di viaggio – ehm, avventure – su Instagram, Facebook e Pinterest!

Get the App. QRGet the App.
Get the App. QR  Get the App.
Scorri verso l'alto