Luci, sushi, azione! Come visitare il Giappone in 10 giorni

Language Specific Image

Dal caos illuminante di Tokyo alle montagne zen e alle foreste esotiche di Kyoto, il Giappone è un vero e proprio viaggio culturale! Ma con così tante cose da vedere, come si fa a coprire un Paese così speciale in soli 10 giorni senza avere un crollo della FOMO (e del saldo bancario)?! Non preoccupatevi: l’esperto viaggiatore e fotografo Christian Escobar è qui per darci i dettagli per chi ha poco tempo e un budget limitato. Pronti? Ikuzo!

Di solito sono un viaggiatore spontaneo, ma quando si tratta del Giappone, ci deve essere un elemento di pianificazione! Consiglio numero uno? Il Japan Rail Pass è essenziale se volete spostarvi da un luogo all’altro. Inizialmente potreste trovare il prezzo elevato rispetto ai trasporti del sud-est asiatico. Ma non fatevi illusioni: sarà molto più economico che acquistare singoli biglietti ferroviari per le diverse città. Consiglio vivamente di procurarsi questo pass prima del viaggio, poiché non è possibile acquistarlo una volta arrivati a destinazione. Quindi, avete il biglietto, andiamo a fare un giro..

TOKYO

Abbiamo iniziato la nostra avventura a Tokyo, dove abbiamo dedicato 3 giorni del nostro viaggio prima di attivare i nostri pass JR di 7 giorni. Tokyo è una grande città estremamente avanzata, simile a una giungla di cemento futuristica. I vostri occhi si riempiranno come un flipper grazie alla varietà di sale giochi ultramoderne, bar karaoke e luoghi decisamente WTF come il “Robot Restaurant” (cenare di fronte a uno spettacolo di balletto di robot di 3 metri e regine della galassia? Iscriveteci IMMEDIATAMENTE). D’altra parte, ci sono anche accenni alla storia e alla cultura antica, con strade di ciottoli e baracche di legno. Ecco i miei punti salienti..

I quartieri dello shopping Shibuya, Ginza, Shinjuku e Harajuku

A Tokyo potete trovare di tutto, dai distributori automatici di hamburger ai corsi intensivi di ninja! Dirigetevi a Ginza e Shinjuku per un’atmosfera di alto livello, e a Shibuya e Harajuku per vedere i Kawaii Boys e le Harijuku Girls calcare la loro passerella (ovvero la strada). Il Pokémon Center è dedicato esclusivamente agli adoratori della serie classica di anime, che consiglio vivamente per la vostra dose di Poké. Anche i Pokemuggles sono i benvenuti 🙂

Vicolo del piscio

Conosciuta anche come Memory lane, Piss Alley era un tempo una squallida destinazione per farsi una scorpacciata dopo laseconda guerra mondiale. A quei tempi non c’erano servizi igienici di lusso, quindi la gente si faceva il bagno ovunque gli occhialini da birra li portassero! Oggi questa parte nascosta della città, nelle vie laterali di Shinjuku, trabocca di bar sgangherati del vecchio mondo e di ristoranti economici. È meglio non pianificare; seguite la folla per trovare il vostro Yakitori perfetto…

Meiji Jingu, Santuario Meiji

A un minuto a piedi dalla stazione di Harajuku, Meji Jingu è il santuario scintoista più famoso di Tokyo. Fu costruito in omaggio all’imperatore del Giappone delXIX secolo e, camminando verso il cuore del santuario, si incontra una parete piena di barili di sakè. Questi barili vengono offerti ogni anno alle divinità racchiuse nel santuario Meiji Jingu e vengono utilizzati nelle cerimonie e nei festival. Il Meiji è meno frequentato del Senso-ji, tuttavia è consigliabile darvi un’occhiata la domenica mattina: potreste intravedere un matrimonio tradizionale nel cortile.

Mercato del pesce di Tsukiji

Potreste riconoscere questo gioiello dal video dei Clean Bandit per la loro canzone “Rather Be”. In pratica, questo posto offre il cibo più fresco del mondo. Il pesce viene acquistato all’asta la mattina dai piccoli ristoranti locali, che poi lo portano via e preparano il sushi della migliore qualità che possiate mai assaggiare. Troverete anche piccole bancarelle specializzate nella lavorazione di coltelli essenziali per la cucina giapponese.

Parco Yoyogi

L’equivalente di Central Park/Hyde Park a Tokyo, dove gli abitanti della città vengono a fare picnic e a portare a spasso i loro chihuahua ricoperti di strass. Sul lato più mite, ci sono fontane, mini templi e tranquille aree verdi dove passeggiare e pensare al significato della vita…

Dove alloggiare? L’Emblem Hostel è un po’ lontano dalla città (più vicino all’aeroporto di Narita) ma è uno dei migliori ostelli in cui abbia soggiornato. Ha un aspetto e un comportamento più simili a quelli di un hotel, ma con un sottofondo di ostello. On The Marks è un altro dei miei preferiti: è pulitissimo, c’è un’ampia area in cui rilassarsi e un ristorante con cibo incredibile. È anche vicino all’aeroporto di Haneda.

HAKONE

Sperimentate la massima serenità ad Hakone, il rifugio perfetto dopo la follia di Tokyo. Le montagne non aspettano altro che essere visitate e l’iconico monte Fuji è a portata di mano. Un consiglio: controllate il meteo prima di arrivare ad Hakone! Noi non l’abbiamo fatto e abbiamo perso l’occasione di vedere la grande montagna perché c’era troppa nebbia. Non importa, il lago Ashinoko compensa con le sue montagne cinematografiche e le sue navi pirata (legittime).


Se siete amanti delle terme, Hakone è il posto giusto. L’area è circondata da onsen (sorgenti termali tradizionali giapponesi) dove potrete respirare i profumi sulfurei e rilassarvi.
Dove alloggiare? Hostelworld consiglia K’s House Hakone

KYOTO

A mio parere, Kyoto dovrebbe essere la capitale del Giappone. Ha un’atmosfera da città moderna, ma la gente, l’architettura e il cibo ricordano la cultura tradizionale giapponese. A Kyoto ci sono 100 apprendisti geisha e gente del posto che fa la spesa settimanale nei tradizionali kimono, e vicoli stretti con ristoranti intimi. I trasporti pubblici funzionano come quelli di Tokyo, quindi è abbastanza facile spostarsi una volta che ci si è impratichiti con la metropolitana giapponese. Abbiamo trascorso quattro giorni qui e questi erano i nostri MUST..

Castello diNijō

Permettetemi di iniziare menzionando le dimensioni di questo luogo! Varcando i prestigiosi cancelli di questo sito Patrimonio dell’Umanità, sarete stupiti da un castello che si estende a perdita d’occhio. Intorno al castello si trovano splendidi giardini, tranquilli ruscelli e profumati boschetti di ciliegi e prugne. È anche un ottimo punto di riferimento storico, poiché un tempo era la culla di uno dei più potenti shogun del Giappone, Tokugawa Ieyasu.

Santuario di Fushimi Inari-Taisha

Probabilmente il secondo luogo più iconico da visitare in Giappone, gli appassionati di fotografia di viaggio e di Instagram saranno nel loro elemento qui! A mio parere, questi santuari sono la cosa più bella che si possa trovare in Giappone, e si possono visitare gratuitamente. 10.000 porte Torii si estendono su una montagna nel sud-est di Kyoto, rendendo l’escursione affascinante.

Foresta di bambù di Arashiyama

Se avete poco tempo a disposizione, vi consiglio di visitare la Foresta di Bambù e Nara in un solo giorno. La foresta non delude con la sua atmosfera zen e il verde fitto e avvolgente. La luce magica la rende uno dei luoghi più fotografati al mondo, ma nessuna foto di insta può catturare l’atmosfera di questa meraviglia terrestre.

Dove alloggiare? LaK’s House sembrava più simile ai tradizionali ostelli che si trovano nel Sud-Est asiatico. C’erano molti backpacker e un’ampia area comune per chiacchierare e giocare 🙂

NARA

Con i cervi che scorrazzano per tutto il negozio, Nara è il posto giusto per fare il pieno di animali selvatici! Il Tempio Todaji di Nara è a pochi passi dal Parco di Nara ed è assolutamente da visitare. È un tempio della setta buddista Kegon e siamo rimasti sbalorditi dall’immensità del tempio: solo l’ingresso è enorme! All’interno troverete molti ornamenti buddisti e la più grande statua di Buddha del Giappone. La leggenda narra che 2.600.000 persone abbiano contribuito alla costruzione di questa statua di 30 metri e 250 tonnellate di bronzo!

OSAKA

Dopo aver ammirato la natura a Kyoto, siamo saliti su un treno verso sud per una dose di follia simile a quella di Tokyo! Osaka è rinomata per la sua vita notturna e per il cibo (il loro motto è “kuidaore” – mangia fino allo sfinimento!) e i paesaggi stradali al neon in 3D sono una meraviglia in sé. Ci sono sale di flipper, tornei di sumo e un sacco di sushi in questa parte della città!


Dove alloggiare? Hostelworld consiglia il Khaosan World Namba

NAGOYA

L’ultimo giorno abbiamo deciso di fare una sosta a caso a Nagoya sulla via del ritorno a Tokyo. Luogo di nascita della Toyota e del pachinko, è considerata il centro industriale del Giappone. Alcuni la preferiscono addirittura a Tokyo, perché è più economica, meno affollata e meno turistica. I trasporti qui sono di prim’ordine e l’offerta culturale è ampia, come il Castello di Nagoya, un luogo da sogno, l’Oasi 21 di e il piatto tipico di Nagoya, l’Unagi (anguilla d’acqua dolce).


Dove alloggiare? La Guest House Wasabi Nagoya è super moderna. Avete la vostra capsula personale, con un computer e una TV all’interno!

Christian è un regista londinese con una grande passione per i viaggi, la moda e tutto ciò che è creativo. Con un background nel design, ha studiato e si è laureato in Graphic Design e attualmente lavora come freelance nell’arte della Videografia e della Motion Graphics, tra un viaggio e l’altro! Scoprite il suo sito web e seguitelo su Instagram qui.


Get the App. QRGet the App.
Get the App. QR  Get the App.
Scorri verso l'alto